AmbienteAttualità

Le mascherine diventano bancali per merci: l’iniziativa di un hotel di Las Vegas

Il Venetian Resort ha deciso di riciclare i dispositivi di protezione individuale usati da ospiti e personale. Diventeranno bancali e legname composito

Un hotel a Las Vegas ha deciso di gestire in maniera differente le mascherine usate. Il Venetian Resort, lussuosa struttura per aver ricreato Venezia su scala ridotta nella Città del Peccato, ha fatto squadra con un’azienda specializzata per riciclare i dispositivi di protezione individuale usati da clienti e dipendenti per proteggersi dal Covid-19. I rifiuti sono trasformati in bancali per le merci, pavimenti in legno per esterni composito e legname misto.

Riciclo mascherine hotel las vegas

LEGGI ANCHE: Filippine: create mascherine biodegradabili in fibra di abaca

La decisione dell’hotel

La decisione dell’hotel è arrivata quando, alla riapertura post-lockdown a giugno, si è ritrovata a dover gestire una grande mole di mascherine usa e getta. Si parla di quasi tre quintali di dispositivi in circa sei settimane. Questa massa, senza un cambio di direzione deciso, sarebbe finita in discarica. I vertici dell’albergo hanno invece contattato una serie di società attive nel settore del riciclo di rifiuti speciali. L’accordo è stato stretto con TerraCycle, realtà che si occupa di riciclare materiali solitamente non accettati nei tradizionali programmi di riciclo. Da due anni si è specializzata nella gestione delle mascherine usate.


Il processo di riciclo

Insieme hanno avviato il primo programma di recupero di dispositivi di protezione individuale su larga scala nel settore dell’ospitalità. Per dar vita questo progetto, TerraCycle ha però dovuto rivedere la sua metodologia tradizionale in virtù dei 185 ettari di proprietà su cui organizzare la raccolta: i bidoni sono stati posizionati in tutti gli spazi, in particolare in corrispondenza delle uscite del personale alla fine dei turni di lavoro; una volta svuotati, i dipendenti dell’hotel che si occupano della gestione dei rifiuti dividono le mascherine e tutti gli altri prodotti riciclabili per il ritiro. Tutto seguendo le opportune misure di sicurezza sanitaria.

Si stima che il processo si occuperà della raccolta e del trasporto di una quantità di rifiuti compresa tra i due e i quattro quintali. Quando questa massa arriva negli stabilimenti di TerraCycle, l’azienda sbriciola il materiale per utilizzarlo nella produzione di bancali per la spedizione delle merci, di pavimenti in legno composito per esterni e legname misto per altri usi.

Una gestione sostenibile delle mascherine

Lo sforzo del Venetian Resort va a contrastare un problema collaterale scatenato dalla pandemia. “L’abbiamo presa come una sfida, volevamo trovare un modo per liberarci delle mascherine in un modo sostenibile”, ha detto Pranav Jampani, direttore esecutivo per la sostenibilità dell’hotel, a Usa Today. “Ogni volta che si può non usare un dispositivo è meglio. Il Covid-19 ha reso questa opzione decisamente più difficile”, ha commentato Dylan Layfield, manager di TerraCycle.

REDAZIONE
Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.