AttualitàEcologiaLifestyle

La nuova confezione biodegradabile “intelligente” per alimenti che uccide i batteri

Al posto della plastica una nuova confezione biodegradabile potrebbe conservare gli alimenti più a lungo restando amica dell’ambiente.

Plastica. Plastica per il prosciutto, per il formaggio, la frutta per l’insalata. La plastica è il materiale più diffuso per le confezioni dei nostri alimenti. Il problema? Sta irrimediabilmente inquinando il nostro pianeta senza che ancora ci sia una risposta credibile in vista. Una soluzione potrebbe arrivare grazie alla collaborazione tra l’Università Tecnologica di Singapore e l’Università di Harvard e una nuova confezione biodegradabile “intelligente” in grado di uccidere i batteri senza uccidere l’ambiente.

confezione biodegradabile
Foto: PxFuel

Una confezione biodegradabile che “uccide” i batteri

Nel settore alimentare la plastica ha il vantaggio di isolare ermeticamente gli alimenti. Una confezione in plastica non permette praticamente a nulla di entrare o uscire dall’involucro. Questo permette di conservare gli alimenti commestibili più a lungo sui nostri scaffali, al costo, tuttavia, di finire per secoli a occupare le discariche. Un team di ricercatori avrebbe sviluppato una confezione biodegradabile in grado di uccidere in modo mirato i batteri nocivi e conservare gli alimenti a lungo con zero impatto ambientale. L’imballaggio alimentare “intelligente” sarebbe infatti realizzato a partire dagli scarti della produzione del mais e caricata di proprietà anti-microbiche grazie all’aggiunta di prodotti naturali.

Una confezione “intelligente”

La nuova confezione biodegradabile è composta da zeina, un tipo di proteina del mais chiamata, amido e altri biopolimeri di origine naturale. A questa base viene aggiunta la componente in grado di attaccare i batteri a base di timo e acido citrico, comunemente reperibile nel limone e in altri agrumi. Nei test in laboratorio la confezione si è dimostrata in grado di rilasciare i composti naturali eliminando i batteri più pericolosi come E.Coli, Listeria e diversi tipi di funghi in grado di contaminare e far andare a male il cibo. La confezione è reputata “intelligente” perché progettata per rilasciare le quantità necessarie di composti antimicrobici solo in presenza dei batteri.

confezione biodegradabile intelligente
Foto: Nanyang Technological University Singapore

Gli alimenti durano più a lungo

L’azione mirata della nuova confezione biodegradabile permetterebbe agli alimenti di durare per mesi prima di deperire. Proprio perché i composti antibatterici agiscono sui batteri che entrano in contatto con la confezione, sarebbe ideale per quegli alimenti dove la confezione entra in contatto col cibo come carne, frutta e verdura. Durante i test sulla frutta fresca la durata della conservazione grazie alla nuova confezione sarebbe stata addirittura più lunga di almeno due giorni secondo i ricercatori. Gli scienziati ora puntano a rendere il prodotto disponibile su larga scala grazie all’intervento di un partner commerciale. La parte più difficile è sempre portare questi progetti fuori dal laboratorio e renderli disponibili sul mercato.

blank
Laureato in Scienze Politiche e Comunicazione Pubblica, ha lavorato in radio e nel tempo libero si dedica alla scrittura creativa. Da sempre appassionato di cultura, scienza e tecnologia è costantemente a caccia di nuove curiosità in grado di cambiare il mondo in cui viviamo.