FoodGastronomia

In arrivo il sostituto vegetale dell’uovo, e sì: è liquido

Il sostituto vegetale dell’uovo arriverà grazie a Nestlé assieme ai “gamberetti” vegetariani. Tante le alternative che potrebbero arrivare presto sul mercato.

Si potrà strapazzare, fare in camicia, sodo o utilizzare per frittate, frittelle e torte esattamente come uova vere. Il nuovo sostituto vegetale dell’uovo annunciato da Nestlé dovrebbe comportarsi in tutto e per tutto come la sua controparte prodotta dalle galline; per la gioia di vegani, allergici o intolleranti al prodotto animale. Assieme alle sue “uova” vegetali la multinazionale svizzera lancerà anche una linea di “gamberetti” a base interamente vegetale. Il mercato delle alternative vegetali alle uova potrebbe vedere presto anche altri concorrenti.

sostituto vegetale uovo

Un nuovo sostituto vegetale all’uovo

Il nuovo sostituto vegetale dell’uovo si chiamerà “vEGGie” giocando sull’inglese “egg”, uovo, per l’appunto. Come comunicato da Nestlé in una nota, sarà composto interamente da proteine di soia con aggiunta di acidi grassi omega-3. Sempre secondo l’azienda dovrebbe avere una consistenza e un gusto autentici, imitando il più fedelmente possibile il prodotto animale sia come sapore sia come utilizzo in cucina a partire dalla sua consistenza liquida.

Assieme al sostituto vegetale dell’uovo Nestlé si prepara anche a lanciare una alternativa vegetale ai gamberetti, questa volta a base di alghe, piselli e konjac, una pianta diffusa in estremo oriente. I prodotti saranno introdotti in un numero limitato di negozi in alcuni mercati europei sotto il marchio Garden Gourmet.

Sempre più alternative vegetali

Il sostituto vegetale all’uovo di Nestlé promette di comportarsi come un uovo vero in cucina, ma non si tratta dell’unica alternativa in arrivo sul mercato. L’americana The Every Company ad esempio sta commercializzando il suo ClearEgg. Si tratta di proteine dell’uovo ottenute grazie alla fermentazione di precisione vale a dire a partire da batteri modificati. Difficilmente il prodotto arriverà nelle cucine di tutti, ma sicuramente interesserà ai produttori alimentari e ai ristoratori.

In Portogallo la Allmicroalgae fornisce un sostituto dell’uovo a base di alghe; in Israele ChickP ne fornisce uno a base di ceci ideale per la maionese; in Canada Nabati Food Global sta commercializzando “Plant Eggz” a base interamente vegetale. Il mercato è in piena espansione e presto anche da noi gli scaffali dei supermercati potrebbero riempirsi di alternative.

blank
Laureato in Scienze Politiche e Comunicazione Pubblica, ha lavorato in radio e nel tempo libero si dedica alla scrittura creativa. Da sempre appassionato di cultura, scienza e tecnologia è costantemente a caccia di nuove curiosità in grado di cambiare il mondo in cui viviamo.