AnimaliAnimali selvatici

Il salmone biologico ora si alleva nel deserto di Dubai

Il salmone biologico si alleva nel deserto di Dubai, grazie a un impianto futuristico che mira a soddisfare il fabbisogno interno del Paese.

Gli Emirati Arabi Uniti sono noti per la costruzione di strutture avveniristiche, spesso esagerate agli occhi di un occidentale, con soluzioni che risulterebbero impensabili in tutto il resto del mondo. Tra queste il salmone biologico allevato nel deserto di Dubai, un progetto che nasce dalla necessità di rifornire di pesce fresco il Paese e non manca di sollevare qualche criticità.

LEGGI ANCHE: Salmone Hi-Tech: come la tecnologia sta cambiando l’industria

salmone biologico deserto dubai
Screengrab da Youtube Gulf News

Salmone biologico, dalla Norvegia al deserto

A Dubai non si temono i progetti ambiziosi e nemmeno il fare le cose in grande. Non deve stupire quindi che il salmone biologico si allevi nel cuore del deserto. Si tratta di un pesce difficile da allevare in tali condizioni considerando la sua provenienza dalle fredde acque norvegesi, la sua vita trascorsa sia nell’acqua dolce che in quella salata e la sua necessità di nuotare nelle correnti. Tutte condizioni riprodotte dagli impianti della Fish Farm, un’azienda con sede Dubai, specializzata nell’allevamento di pesci e crostacei.

salmone biologico norvegia deserto

Persino l’illuminazione artificiale simula quella del nord, con la corretta quantità di luce e buio tipica delle zone artiche. Allevare animali di questo tipo nel deserto è probabilmente la cosa meno naturale del mondo, tuttavia il risultato è un salmone biologico, in quanto non vengono utilizzati farmaci e sostanze chimiche per il suo allevamento.

Come si può immaginare, però, il lato dolente del salmone biologico allevato nel deserto riguarda il consumo energetico. Il fabbisogno di un impianto che consenta di soddisfare le necessità dei pesci, in un clima tanto caldo e arido, è comprensibilmente elevato. Di conseguenza elevato risulta anche l’impatto carbonico della struttura, se non fosse che l’azienda ha già in progetto di procedere nella direzione di un futuro più sostenibile tramite l’utilizzo dell’energia solare. Ad oggi l’azienda produce dalle 10 alle 15 tonnellate di salmone al mese configurandosi come una realtà unica al mondo.

REDAZIONE
Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.