AttualitàLifestyle

Il cambiamento climatico può far sparire le patatine fritte negli USA?

È vero, il cambiamento climatico potrebbe far sparire le patatine fritte negli USA, e le cose stanno già cambiando.

Se il cambiamento climatico può far sparire le patatine fritte negli USA c’è veramente da preoccuparsi, ma è quello che alcuni avvenimenti negli ultimi mesi hanno lasciato intendere: il freddo anomale che sta colpendo gli Stati Uniti ha intaccato i raccolti di patate lunghe, quelle scelte abitualmente per la produzione delle patatine fritte. Questa piccola crisi potrebbe diventare più grave nei prossimi anni, mettendo a rischio il piatto tanto amato dagli americani.

LEGGI ANCHE: Cucinare nell’era del cambiamento climatico

cambiamento climatico patatine fritte

Il freddo può mettere in pericolo le patate

Più gli anni passano più il cambiamento climatico incide sulla vita di tutti i giorni, non solo per le patatine: lo stanno imparando bene gli statunitensi, che vengono colpiti con sempre più frequenza da eventi di freddo intenso fuori stagione. E se queste temperature mettono a rischio i raccolti, la questione si fa ancora più pressante, considerando che il terreno diventa così freddo da rendere quasi impossibile raccogliere le patate dal suolo.

Ad aggiungere danno alla beffa è la domanda di patatine fritte, che negli ultimi anni è cresciuta parecchio, spingendo gli agricoltori ad aumentare i loro raccolti. Secondo il US Department of Agriculture le perdite nei campi saranno del 6% circa, ma è possibile che questa percentuale sia più elevata, considerando che le previsioni sono state pubblicate a Novembre di quest’anno.

Un altro aspetto paradossale sta nel motivo dietro al quale gli agricoltori hanno perso le proprie patate. Il sistema agroalimentare lascia margini minimi ai contadini, che devono fare molta attenzione alle spese che affrontano per ottenere un raccolto. Quest’anno le gelate hanno reso il terreno così duro che i costi per raccogliere le patate sarebbero stati più alti del guadagno ricavato vendendole. Così negli USA tra qualche mese potrebbe diventare un po’ più difficile ordinare delle patatine fritte, e nei prossimi anni, a causa del cambiamento climatico, potrebbe essere ancora peggio.

Matteo Buonanno Seves
Un giovane laureato in Scienze Gastronomiche con la passione per il giornalismo e il mai noioso mondo del cibo, perennemente impegnato nel tentativo di schivare le solite ricette e recensioni in favore di qualcosa di più originale.