AmbienteEcologiaRinnovabili

I monopattini elettrici sono davvero ad impatto zero?

I monopattini elettrici sono considerati amici dell'ambiente, visto le emissioni zero, tuttavia, secondo un nuovo studio americano, per capire il loro reale impatto ambientale bisognerebbe analizzare le emissioni di tutta la filiera.

I monopattini elettrici sono considerati tra le migliori soluzioni per la mobilità green cittadina poiché rispettano l’ambiente grazie alla loro emissione zero. Tuttavia uno studio americano ha dimostrato che potrebbe non così per tutti i modelli.

monopattino elettrico inquinamento

I monopattini elettrici, potrebbero essere più inquinanti di quanto si possa immaginare, questo secondo uno studio dell’Università statunitense della Carolina del Nord.

Generalmente, i monopattini elettrici sono considerati dei veri amici dell’ambiente, visto le emissioni zero, tuttavia, secondo il Professor Johnson coordinatore della ricerca, per capire il reale impatto ambientale dei monopattini elettrici bisognerebbe analizzare le emissioni di tutta la filiera produttiva e non solo in relazione al loro utilizzo finale.


Secondo la ricerca, infatti, sono da considerare anche le emissioni legate alla produzione dei componenti e delle batterie che hanno un impatto non trascurabile sull’ambiente sia nel momento della loro produzione, sia soprattutto nel momento del loro smaltimento.

Inoltre, non va dimenticato che i monopattini hanno necessità di essere ricaricati, e la ricarica in molte occasioni viene effettuata da operatori che si muovono spesso con veicoli a motore diesel. In aggiunta, per quanto riguarda la ricarica, se l’energia prodotta non proviene da fonti rinnovabili, allora non sarebbe completamente corretto sostenere che i monopattini elettrici siano a emissioni zero.

Lo studio dell’Università della Carolina del Nord ha anche evidenziato che è fondamentale capire che componenti vengono utilizzati per la produzione dei monopattini elettrici. Alcuni monopattini potrebbero essere costruiti utilizzando materiali poco sostenibili e non riciclabili, che sposterebbero la problematica dell’inquinamento solo avanti nel tempo. Un elemento ulteriore da tenere in considerazione è la provenienza dei monopattini elettrici.

La maggior parte dei monopattini è costruita in Cina e successivamente distribuita in tutto il mondo, spesso attraverso trasporti via nave, che solitamente funzionano grazie ad enormi motori diesel. Anche questi consumi, secondo la ricerca, andrebbero considerati nel computo delle emissioni totali dei monopattini elettrici. Secondo la ricerca, in definitiva, alcuni monopattini elettrici risulterebbero meno inquinanti di una auto elettrica, ma certamente non ad impatto zero per l’ambiente.

A onor del vero, sono state mosse alcune critiche allo studio, sottolineando che questa ricerca non considera l’inquinamento delle polveri sottili che i tradizionali motori diesel creano. Inoltre, molte aziende sono oggi in grado di creare energia pulita, proveniente da fonti rinnovabili, per la ricarica dei monopattini così da ridurre ancora di più l’impatto ambientale.

Il mercato dei monopattini elettrici, così come quello delle automobili elettriche è in forte crescita. La speranza è che le aziende produttrici si sforzino di utilizzare sempre di più materiali sostenibili e riciclabili. Sarà inoltre importante che si investa maggiormente nella produzione di energia pulita che servirà per ricaricare le batterie, mantenendo il più basso possibile impatto ambientale.

REDAZIONE
Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.