AttualitàEconomiaLifestyle

Gucci, anche Emma Watson nel board per la sostenibilità

Emma Watson entra nel consiglio di amministrazione di Kering, società proprietaria anche del marchio Gucci per nuovi stimoli verso la sostenibilità.

Gucci, gruppo Kering, ha scelto l’attrice ed attivista britannica Emma Watson quale nuovo membro del consiglio di amministrazione e presidente del comitato per la sostenibilità.

emma watson diritti

La star di Harry Potter Emma Watson, nota sostenitrice della moda eco-friendly, sarà a capo del comitato per la sostenibilità di Kering, con l’approvazione del presidente François-Henri Pinault e degli azionisti.

Emma Watson, divenuta famosa per aver interpretato Hermione Granger nei film di Harry Potter, è anche nota per aver indossato abiti sostenibili di stilisti di alto livello per eventi sul red carpet e altre apparizioni pubbliche.

emma watson sostenibilità

Emma Watson è sostenitrice dell’app Good On You, che permette ai clienti consumatori sia di verificare la valutazione di sostenibilità di un marchio di abbigliamento sia di esprimere un proprio giudizio in merito proprio alla sostenibilità del marchio.


Del resto l’elevato numero di fornitori e la produzione ad alta intensità energetica hanno portato l’industria della moda a consumare più energia di quella consumata dall’industria aeronautica e navale messe insieme, secondo l’ONU. L’industria della moda è anche responsabile della produzione di grandi quantità di rifiuti e di corsi d’acqua inquinati.

Le aziende del lusso, però, negli ultimi tempi hanno cercato di inserire la sostenibilità tra i valori da perseguire, imponendosi nuovi programmi ed obiettivi.

Kering, ad esempio, sta puntando alla sostenibilità cercando di ridurre il suo impatto ambientale: minor numero di collezioni prodotte e utilizzo di energie rinnovabili (complessivamente per il 67% delle sue attività nel mondo).

Molto soddisfatto dell’ingresso di Emma Watson, quindi, il Presidente ed amministratore delegato di Kering, François-Henri Pinault il quale ha affermato che l’intelligenza collettiva che deriva dalla diversità dei punti di vista e la ricchezza apportata dalle diverse esperienze sono cruciali.

L’ingresso di Emma Watson ora sposterà l’attenzione di Gucci e di Kering ancor più verso il tema della sostenibilità nella moda.

L’attrice, del resto, ha sempre dimostrato di puntare a risultati concreti utilizzando la sua celebrità per cambiare il mondo. Nel 2014, Emma Watson è stata anche nominata Goodwill Ambassador delle Nazioni Unite per le donne e ha lanciato l’iniziativa HeForShe per la promozione dell’uguaglianza di genere.

L’entrata di Emma Watson nel comitato per la sostenibilità di Gucci, gruppo Kering, testimonia che anche il mondo della moda non può più prescindere da un approccio concreto e votato alla sostenibilità, sempre più elemento di valutazione e scelta da parte dei consumatori.

REDAZIONE
Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.