CulturaScienza

Gli alberi parlano tra loro grazie ai funghi

Con un nuovo studio un albero è stato trovato connesso a ben altri 47 alberi attraverso il micelio di 8 colonie di funghi.

Gli alberi parlano tra loro grazie a delle vere e proprie reti di comunicazioni naturali. Nei boschi di tutto il mondo, grazie a grandissime reti create dai funghi, gli alberi sono in grado di comunicare tra loro e persino aiutarsi nel caso di necessità.

piante funghi comunicano

Gli alberi parlano tra loro secondo una ricerca della scienziata ecologista Suzanne Simard. Gli alberi, secondo la ricercatrice, sono capaci di interagire tra di loro e persino scambiare nutrienti nel caso di necessità.

Grazie alle diffusissime reti di funghi presenti nel sottosuolo, gli alberi sarebbero, nel corso dei millenni, diventati capaci di interagire e di sfruttare in modo intelligente queste reti sotterranee come fossero dei veri e propri cavi di connessione.


Secondo lo studio, i funghi hanno una importanza grandissima nell’ecosistema dei boschi e, nel tempo, hanno accresciuto sempre di più la loro simbiosi con le piante e gli altri organismi vegetali.

I funghi sarebbero in grado di comunicare alle piante a proposito dei cambiamenti ambientali del bosco, come anche della necessità di trasferire nutrienti ad una pianta malata o in difficoltà.

La simbiosi tra i funghi e le piante è conosciuta da tempo, infatti, i funghi attraverso il loro micelio raccolgono i nutrienti del terreno e li scambiano con le radici della pianta che in cambio forniscono altrettanti sostanze utili ai funghi e derivanti dalla fotosintesi.

In questo processo diviene quindi possibile un collegamento diretto tra una pianta, ed un’altra, attraverso il micelio dei funghi.

Questo tipo di simbiosi è chiamato anche micorriza. Attraverso la micorriza i funghi colonizzano parti delle radici di diverse piante creando di fatto una connessione naturale di collegamento tra piante anche distanti tra loro.

Secondo lo studio la simbiosi tra le reti dei funghi e le piante sarebbe tale da essere in grado di fornire persino sostanze tossiche a piante indesiderate, oppure, di aumentare il loro sistema di difesa immunitario proteggendole così da malattie.

Inoltre, gli alberi più grandi sarebbero in grado di aiutare quelli più piccoli e meno esposti alla luce del sole con sostanze nutritive trasmesse attraverso le connessioni delle reti dei funghi.

Grazie alla ricerca della scienziata Simart sembra proprio che le piante siano organismi molto più complessi di quanto si possa pensare e che gli ecosistemi della Terra siano interconnessi in modo perfetto ed equilibrato.

Questo studio è fondamentale nel capire le dinamiche simbiotiche tra le piante e i funghi del bosco. Inoltre, sarà un ulteriore elemento valido da tenere in considerazione, per le politiche di disboscamento e riforestazione di tutto il pianeta.

REDAZIONE
Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.