AmbienteEcologia

Fico d’India: una soluzione contro la crisi climatica?

Il Fico d’India potrebbe diventare la coltivazione ideale per zone secche e aride grazie al basso consumo di risorse e al buon valore nutrizionale.

Fico d’India al posto di grano, mais o soia? Ne sono convinti i ricercatori dell’Università di Reno in Nevada al termine di una ricerca pluriennale. Il cactus e il suo frutto potrebbero diventare una importante fonte alimentare grazie all’alta resistenza al calore e al basso consumo d’acqua. Il fico d’india sarebbe ideale sia per il consumo umano che per l’allevamento animale.

fico india

Fico d’India: la coltura del futuro?

Secondo i modelli di previsione, la crisi climatica produrrà eventi di siccità sempre più lunghi e intensi. In questo futuro, temperature più elevate e scarsità d’acqua potrebbero mettere a rischio le colture. Specialmente coltivazioni come riso, granoturco e soia potrebbero venire compromesse. La soluzione per le zone interessate da questi fenomeni climatici potrebbe insospettabilmente arrivare dal Fico d’India.

In un esperimento in collaborazione con il Ministero dell’Agricoltura statunitense, i ricercatori dell’Università Reno hanno testato l’efficacia del Fico d’India come coltura con risultati sorprendenti. La pianta di Opuntia Ficus-Indica infatti è risultata quella con la migliore produzione, mantenendo un consumo d’acqua dell’80% inferiore rispetto a colture tradizionali.

Perché è una coltura ideale?

Il cactus sarebbe un eccezionale fonte bioenergetica perché è una pianta perenne; in grado di dare frutti tutto l’anno. Quando non impegnata a produrre frutti, può funzionare come assorbitore di anidride carbonica. Secondo John Cushman, professore di biochimica e biologia molecolare presso l’Università di Reno; la produttività del Fico d’India sarebbe al pari di mais e canna da zucchero. Consumando tuttavia da 3 a 6 volte meno acqua.

Circa il 42% della superficie del pianeta è considerabile come arida o semi-arida. Secondo Cushman ci sarebbe quindi un ottimo potenziale per espandere questa coltivazione. Il Fico d’India è già parte dell’alimentazione di diverse popolazioni. Anche le pale del cactus sono commestibili. Composte fino al 90% da acqua sono ideali anche per l’allevamento animale.

L’obiettivo migliorare la produzione

L’obiettivo dei ricercatori ora è quello di individuare tecniche di produzione ideali. L’attenzione ora è sulla selezione dei tratti genetici migliori, in grado di garantire la maggior produzione e una crescita rapida. L’obbiettivo ideale? Un Fico d’India senza spine in grado di crescere rapidamente, con consumo d’acqua limitato per far fronte alle sfide della crisi climatica in atto.

REDAZIONE
Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.