AttualitàHot TopicLifestyle

Le etichette del vino prendono vita grazie alla realtà aumentata

Bere un bicchiere non sarà mai più la stessa cosa grazie alle etichette del vino che prendono vita grazie alla realtà aumentata. Una tendenza che si sta diffondendo.

Siamo in un’epoca in cui più che un prodotto o un servizio è necessario vendere un’esperienza, che sia quanto più possibile pervasiva e omni-sensoriale. Per questa ragione anche il settore enologico si sta evolvendo, puntando su nuove tecnologie capaci di veri e propri prodigi. Per questo, ora, le etichette del vino prendono vita con la realtà aumentata aprendo nuovi e incredibili scenari a tutto il settore.

etichette vino realtà aumentata
Foto screengrabbed da pagina Youtube Kaleidadigital

Le nuove opportunità della realtà aumentata nel settore del vino

I primi esempi di etichette del vino che prendono vita grazie alla realtà aumentata stanno comparendo sul mercato. Tra tutti, degno di nota, il brand australiano 19 Crimes, che sulle sue etichette riporta i volti dei criminali del XVIII secolo esiliati sul continente che prendono vita raccontando la loro storia. Il nome stesso del marchio fa appunto riferimento ai 19 crimini che, all’epoca potevano vale una deportazione in Australia senza ritorno. Curioso che tra questi vi siano anche: «Impersonare un egiziano» e «rubare un sudario da una tomba». Tuttavia saranno gli stessi deportati del tempo a raccontarli grazie alla realtà aumentata.

LEGGI ANCHE: Samsung Bixby riconoscerà il cibo e conterà le calorie

Quello di 19 Crimes è solo un esempio di come le etichette del vino possano prendere vita grazie alla realtà aumentata. In questo caso il fine è certamente giocoso – al di là delle nozioni di giurisprudenza dell’epoca fornite – ma questa tecnologia potrebbe davvero fare molto di più. In questo modo l’etichetta di una bottiglia potrebbe diventare un vero e proprio archivio di informazioni utili anche a godersi al meglio la bottiglia che si sta aprendo. Basti immaginare alla possibilità che inquadrando un’etichetta con una semplice app possa «apparire» un sommelier che racconti le caratteristiche del vino e che, magari, possa dare degli utili consigli su come consumarlo o abbinarlo al meglio.

Senza considerare che, tornando al lato esperienziale della questione, le etichette del vino che prendono vita sono un’eccellente modo per attirare e conquistare nuovi clienti offrendo loro la possibilità di sperimentare e vivere il prodotto in una maniera prima inimmaginabile. Un netto salto nel futuro per un settore, per sua natura, fuori dal tempo.

blank
Chitarrista, motociclista, da sempre appassionato di scienza, tecnica e natura. Sono laureato in Psicologia del Lavoro e della Comunicazione. Curioso per natura amo i viaggi, il buon vino e scoprire cose nuove. Da qualche anno nel settore del marketing digitale e della comunicazione.