AmbienteAttualità

Energia eolica innovativa: le turbine senza pale

Diverse start-up stanno proponendo nuovi metodi per sfruttare la potenza del vento. L’energia eolica innovativa sembra ben lontana dalle turbine classiche.

Per un futuro sostenibile sfruttare il vento non può che rappresentare un punto chiave. Alcune start-up stanno lavorando a diversi metodi per un’energia eolica innovativa e stanno aprendo interessanti prospettive. Le classiche turbine eoliche sembrano destinate a essere superate. A sostituirle sono chiamate strutture in grado di sfruttare le vibrazioni, mini turbine applicate ai lampioni e originali “aquiloni”.

Energia eolica innovativa

Le turbine senza pale:

Un progetto per l’energia eolica innovativa arriva dalla Spagna. La start-up Vortex Bladeless ha ideato un metodo per sfruttare il vento senza l’ausilio di pale. Si tratta di una struttura verticale, un cilindro curvo, che raggiunge i 3m di altezza, sorretto da un’asta elastica. La struttura produce energia eolica grazie alle vibrazioni, sfruttando il fenomeno aereodinamico della vorticitàI punti di forza, secondo David Yáñez, CEO dell’azienda, sono il minimo impatto ambientale, visivo ed economico. Risulta, dunque, perfettamente adatta alle esigenze urbane e potrebbe rivelarsi determinante su scala ridotta. Yáñez ha infatti affermato che per i privati si propone come complementare ai pannelli solari.

Le turbine da lampione:

Allo sviluppo di energia eolica innovativa sta contribuendo anche Alpha 311, start-up inglese con base a Whitstable. L’azienda ha sviluppato delle piccole turbine in plastica riciclata da applicare sui lampioni. L’obiettivo è produrre energia grazie al movimento delle auto per alimentare le luci stradali stesse e la rete elettrica in generale. Mike Shaw da Alpha 311 ha spiegato che il vantaggio sarebbe l’impiego di strutture già esistenti e l’ideale sarebbe collocarle ai bordi delle autostrade. L’O2 Arena di Londra ne ha, però, già acquistate 10. Secondo l’azienda ogni turbina è in grado di produrre energia pari a 20 m2 di pannelli solari, ma il dato sarà migliorato.

Gli aquiloni eolici:

L’idea più rivoluzionaria per l’energia eolica innovativa arriva dalla Germania. La start-up SkySails ha progettato degli aquiloni automatizzati, idonei a volare a 400m di altezza per sfruttare i venti ad alta quota. L’aquilone, collegato a un generatore a terra, dovrebbe produrre energia nella salita e consumarne solo una minima parte in discesa. Stephan Wrage, CEO dell’azienda, ha affermato che questa tecnologia lavorerebbe in modo assolutamente silenziosoL’impatto visivo sarebbe, poi, minimo, dato che gli aquiloni proiettano a malapena un’ombra. Oggi, secondo le stime, questa tecnologia arriverebbe a garantire dai 100 ai 200 kW, ma una partnership con RWE ne aumenterebbe il potenziale.

Tutti i progetti sono ancora in fase di sperimentazione e non mancheranno gli opportuni aggiustamenti. Produrre energia eolica innovativa rimane un obiettivo importante. Le classiche windfarms non possono certo dirsi superate, ma studiare delle alternative adatte alle zone residenziali è fondamentale. Il vento sembra, comunque, soffiare nella giusta direzione e, per una volta, un po’ di ottimismo pare d’obbligo.

REDAZIONE
Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.