CulturaScienza

E’ sicuro mettere la plastica nel microonde con il cibo?

L’uso della plastica nel microonde potrebbe non essere sicuro, è necessario informarsi e verificare con attenzione la tipologia di plastica del contenitore

I contenitori di plastica possono essere sicuri anche per un utilizzo nel microonde a patto che si conosca la tipologia di plastica di cui il contenitore è fatto. Esistono, infatti, molteplici plastiche derivate dal petrolio, anche con additivi aggiunti che possono essere rilasciati nel cibo e nelle bevande.

plastica microonde

LEGGI ANCHE: Microonde in cucina: vantaggi e accorgimenti

Tipi di plastica che si usano in cucina

La plastica è un materiale durevole, leggero e flessibile. Queste proprietà consentono di trasformarlo in una varietà di prodotti tra cui contenitori per alimenti e bevande. La plastica è un materiale composto da lunghe catene di polimeri ed è, nella maggior parte dei casi, un derivato del petrolio.

Tra le varie tipologie di plastica vi sono:

  • PET (o PETE): polietilene tereftalato;
  • HDPE: polietilene ad alta densità;
  • PVC: cloruro di polivinile;
  • LDPE: polietilene a bassa densità;
  • PP: polipropilene;
  • PS: polistirene;
  • PC: policarbonato.

Alcune materie plastiche contengono anche additivi per ottenere le proprietà desiderate del prodotto finito.

Quale plastica si può mettere nel microonde?

La maggior preoccupazione per l’uso di contenitori di plastica inseriti nel microonde con cibo all’interno è per gli additivi che la plastica contiene. In particolare per il bisfenolo A (BPA) e per una classe di sostanze chimiche chiamate ftalati, entrambi utilizzati per aumentare la flessibilità e la durata della plastica.

Queste sostanze chimiche, in particolare il BPA, possono avere importanti ripercussioni sul corpo umano. Sin dagli anni sessanta molti contenitori per il cibo vengono realizzati in policarbonato (PC). Le ricerche condotte hanno evidenziato la possibilità che questo BPA, presente nel policarbonato, possa, con il calore, passare negli alimenti e nelle bevande.

Anche per questo molte aziende produttrici di contenitori per cibi e bevande hanno scelto plastica senza BPA, come il polipropilene (PP).

Purtroppo molti studi hanno evidenziato che anche le plastiche prive di BPA possono rilasciare sostanze chimiche pericolose, quando gli alimenti sono scaldati nel microonde dentro questi contenitori.

Pertanto, è generalmente consigliabile evitare l’utilizzo della plastica nel microonde, a meno che il contenitore non sia specificamente etichettato come sicuro per l’uso nel microonde.

In ogni caso è consigliabile:

  • non mettere mai alimenti ancora caldi in contenitori di plastica;
  • non pulire mai i contenitori utilizzando materiali abrasivi;
  • utilizzare i contenitori per un periodo di tempo non troppo prolungato;
  • non lavare continuamente i contenitori nella lavastoviglie.

Attenzione anche alle pellicole di plastica utilizzate per coprire gli alimenti perché potrebbero contenere BPA e ftalati.

L’utilizzo della plastica nel microonde potrebbe non essere sicuro poiché alcune sostanze chimiche che formano la plastica dei contenitori potrebbero essere rilasciate nel cibo o nelle bevande.

E’, quindi, necessario, conoscere il materiale del contenitore, ma soprattutto è importante verificare sempre che il contenitore sia stato prodotto anche per l’uso nel microonde. Diversamente è consigliabile sostituire i contenitori di plastica con contenitori in altro materiale, come la ceramica.

REDAZIONE
Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.