BevandeFood

DOP: un marchio di tutela dei prodotti e del territorio

Vi siete mai chiesti cosa comporti esattamente un marchio DOP? O quale differenza c'è tra la certificazione DOP e IGP?

«[…] Si intende per denominazione d’origine, il nome di una regione, di un luogo determinato o, in casi eccezionali, di un paese che serve a designare un prodotto agricolo o alimentare originario di tale regione, di tale luogo determinato o di tale paese, la cui qualità o le cui caratteristiche sono dovute essenzialmente o esclusivamente ad un particolare ambiente geografico, inclusi i fattori naturali e umani, e la cui produzione, trasformazione e elaborazione avvengono nella zona geografica delimitata.»

Cos’è la DOP

Il marchio di tutela giuridica della denominazione DOP (di origine protetta) viene attribuito dall’Unione Europea ad alimenti le cui caratteristiche qualitative dipendono esclusivamente dal territorio di produzione.

Le peculiarità dell’ambiente geografico sono delineate sia da fattori naturali, come le condizioni pedologiche e climatiche, sia da fattori umani come le tecniche di produzione tramandate negli anni e rimaste immutate (o quasi) nel tempo; la combinazione di questi elementi consente di ottenere un prodotto inimitabile al di fuori di una determinata zona produttiva.

Cos'è la DOP

Affinché un prodotto alimentare possa vantare il marchio DOP è fondamentale che le fasi di produzione, trasformazione ed elaborazione avvengano all’interno dell’area delimitata dal Consorzio di tutela. Il disciplinare di produzione stabilisce, a tal proposito, regole rigide per i produttori di alimenti DOP e, affinché non si incorra in spiacevoli illeciti, il parlamento europeo ha individuato appositi organi di controllo che tutelino consumatori e produttori di tali prodotti.

Quali sono le differenze tra DOP e IGP

Sono due le principali differenze tra prodotti DOP e IGP (indicazione geografica tipica): la prima è che per la certificazione IGP è sufficiente che almeno una delle fasi (di produzione, trasformazione o elaborazione) avvenga all’interno dell’area delimitata dal disciplinare, a differenza della DOP per la quale invece tutte le fasi devono obbligatoriamente avvenire nella stessa zona geografica.

Quali sono le differenze tra DOP e IGP

La seconda è dovuta al concetto di “reputazione” legato al territorio di origine. Ad ogni modo, per ottenere la denominazione IGP è sufficiente che il nome del prodotto associato alla regione geografica di provenienza goda di una reputazione riconosciuta dai consumatori.

Fonti: Agricolturaequalita – Wikipedia

TOPIC DOPIGP
REDAZIONE
Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.