MedicinaSalute

Disinfettante per mani fai da te, la ricetta dell’OMS

Preparare un disinfettante per mani fai da te è facile con la ricetta dell'OMS, con ingredienti facilmente reperibili anche al supermercato.

Il disinfettante per mani fai da te da preparare con la ricetta dell’OMS funziona grazie al contenuto di alcol, non con l’ipoclorito di sodio come la famosa Amuchina, ma è comunque efficace. Gli ingredienti chiave sono appunto due, l’alcol e l’acqua, che combinati assieme nelle giuste proporzioni, spiega l’Organizzazione Mondiale della Sanità, sono efficaci contro i virus, che vengono velocemente eliminati.

Disinfettante per mani fai da te

Come fare un disinfettante per mani fai da te

La ricetta indicata dall’OMS per un disinfettante per mani fai da te tiene conto di poter essere preparata con ingredienti reperibili senza troppe difficoltà e con strumenti che chiunque può avere in casa. Come abbiamo anticipato, è la combinazione tra alcol e acqua a rendere così efficace questo prodotto: la concentrazione dell’alcol deve essere tra il 60% e l’80% perché il prodotto sia perfetto. L’alcol puro infatti funziona meno efficacemente, motivo per cui bisogna fare un po’ di attenzione con le ricette.


Ingredienti per un litro di disinfettante per mani fai da te

  • 833 ml di etanolo o alcol etilico (96% di concentrazione)
  • 42 ml di acqua ossigenata (3% di concentrazione)
  • 15 ml di glicerina (o glicerolo al 98%)
  • 110 ml di acqua distillata (sostituibile con acqua bollita e poi riportata a temperatura ambiente)

Tenete presente che il glicerolo ha una funzione umettante, e può essere sostituito con altri emollienti, come sottolinea lo stesso OMS, mentre l’acqua ossigenata ha il compito di inattivare le spore di eventuali batteri contaminanti. In questo disinfettante per mani fai da te solo alcol e acqua sono fondamentali.

Procedimento per il disinfettante per mani fai da te

La prima cosa che dovete fare per questo disinfettante per mani fai da te spiegato dall’OMS è assicurarvi che i vostri recipienti siano adeguatamente puliti e disinfettati, in plastica (polipropilene o polietilene ad alta intensità), vetro o metallo, l’importante è che sia facilmente individuabile e misurabile il livello del liquido all’interno.

  • Misurate e versate la giusta quantità di alcol (etanolo) in un contenitore
  • Aggiungete il perossido di idrogeno
  • Per il glicerolo è utile aiutarsi con dell’acqua distillata bollente, per scioglierlo e miscelarlo meglio.
  • Arrivate ad un litro complessivo di preparazione aggiungendo acqua distillata
  • Agitate bene il contenitore in modo che il composto sia omogeneo
  • Distribuitelo se necessario in contenitori più piccoli

Dovete tenere presente che trasferire il disinfettante per mani fai da te in un altro contenitore implica l’attesa di almeno 72 ore prima del suo utilizzo, in modo tale che le eventuali spore batteriche rimangano uccise dall’acqua ossigenata. Ricordate comunque che lavarsi le mani (nel modo giusto, per un intero minuto) e fare attenzione a non portarle al viso sono entrambi due sistemi efficaci per tenere a bada eventuali contaminazioni.

Matteo Buonanno Seves
Un giovane laureato in Scienze Gastronomiche con la passione per il giornalismo e il mai noioso mondo del cibo, perennemente impegnato nel tentativo di schivare le solite ricette e recensioni in favore di qualcosa di più originale.