Carne & SalumiFood

Differenza tra agnello e abbacchio

Esiste una differenza tra agnello e abbacchio, per quanto si parli dello stesso animale, in termini gastronomici, non si tratta della stessa cosa.

La differenza tra agnello e abbacchio è sottile ma sostanziale, si tratta in entrambi i casi di una pecora non ancora adulta, ma vi sono alcune diversità di fondo. Entrambe le specialità risultano normalmente associate alla Pasqua anche se, tradizionalmente, vengono consumate generalmente durante le festività e quindi spesso servite anche a Natale.

Agnello

agnello

Parlare di agnello, in termini gastronomici, significa far riferimento alla carne di una pecora con un’età che si aggira attorno ai 6 mesi, al momento della macellazione. Si tratta di esemplari che raggiungono il peso di 7-10 kg, nutrendosi già di erba e fiori. Normalmente l’agnello viene cucinato al forno accompagnato dalle patate, ma esistono anche versioni in umido. In Italia la specialità risulta tipica delle regioni del centro, zone in cui era diffuso l’allevamento pastorale degli ovini. Anche nel mondo, per ovvie ragioni, si tende a consumare agnello in tutte quelle zone in cui vi sia, o vi sia stata, forte la presenza di pastori.

Abbacchio

abbacchio

Parlando di abbacchio formalmente si fa riferimento ad un agnello, ma di età inferiore. Infatti, in questo caso il piccolo di pecora viene macellato quando ancora si nutre di latte della madre, a circa 25-30 giorni di vita, con un peso che va dai 4 ai 6 kg. Queste caratteristiche fanno sì che la sua carne risulti tenera, con un sapore dolce e delicato. Il termine abbacchio risulta esplicativo di per sé, derivando dal termine latino «ab baculum», ossia «vicino al bastone», ad indicare l’uso di tenere legati questi animali ad un bastone piantato nel terreno, in modo da costringere la madre a non allontanarsi troppo dal piccolo.

Va specificato che entrambe le specialità tradizionali, in anni recenti, non hanno mancato di far discutere e suscitare l’orrore degli animalisti e non solo, a causa della tenera età dell’animale abbattuto. Così come avviene anche per altre specie animali.

REDAZIONE
Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.