SaluteSpezie & Aromi

Curry e curcumina, un’insospettabile medicinale

Se ne è parlato molto ultimamente, la curcumina sta facendo registrare degli ultimi risultati nei test in laboratorio, promettendo di diventare un efficace medicinale nel prossimo futuro.

Quale è una delle prime parola che vengono in mente quando si sente parlare di cucina indiana? Curry, ovviamente. Per noi italiani la parola curry non solo viene associata immediatamente alla cucina indiana, ma identifica un mix non meglio identificato di spezie i cui unici segni di riconoscimento, almeno per gli occidentali più maldestri, sono il colore e il profumo di cui è dotato.

Origini incerte

In realtà, come spesso accade, il termine curry non trova origine direttamente in India, secondo alcuni deriverebbe dal sostantivo Cari, zuppa, secondo altri da karil, una parola tamil che indica una salsa piccante. Pat Chapman, un membro del Curry Club britannico, pensa che la parola derivi da Karahi o Karai, una sorta di wok. Un’altra strada percorsa dagli esperti è quella che vuole il termine come direttamente di creazione anglofona: durante il dodicesimo secolo infatti ci fu una rivoluzione nella cucina britannica, che cominciò a vedere l’impiego sempre più opulento di spezie come zenzero, cannella, noce moscata, chiodi di garofano, cumino, cardamomo e anice, tutti profumi decisamente orientali. Riccardo II, nel 1390 commissionò a oltre 200 cuochi e alcuni filosofi la stesura del primo vero libro di cucina inglese, dal titolo “The Forme of Cury” dove con quest’ultima parola si intendeva cucinare, bollire o grigliare.

Origini incerte

Più avanti, attorno al ‘700, i primi mercanti e agenti della Compagnia delle Indie iniziarono a ritirarsi in Inghilterra, ricchi e carichi di servitù indigena, tra cui molti cuochi. Una volta lanciata la modo della cucina speziata fu difficile trovare chi sapesse miscelare e selezionare le spezie necessarie, da qui la necessità di preparare dei blend già bilanciati, così alcune ditte inglesi ed olandesi cominciarono ad offrire le miscele col nome di curry.

Masala

Quel che è certo è che questo mix di spezie che noi conosciamo come curry in India prende il nome di Masala, di cui non esiste una lista uniforme di ingredienti. Queste vengono prese e scottate in padella prima di essere macinate, e vengono preparate sempre fresche, a seconda delle usanze religiose o dei piatti che devono accompagnare. Di solito viene diviso in tre categorie a seconda della piccantezza: mild se leggera, hot e very hot se piccante o molto piccante.

masala

Composizione e proprietà

L’ingrediente principale del curry è la curcuma, la quale vanta nel complesso del mix, un 2% di curcumina. Questo è considerato un principio attivo e farmacologico, tanto da rappresentare, in dosi concentrate, un efficace trattamento di alcune patologie, tra cui neoplasie intestinali, la riduzione dei sintomi dell’artrite reumatoide e addirittura la prevenzione e il rallentamento di malattie neuro-degenerative com l’Alzheimer. A sostegno di queste affermazioni sono stati condotti più di 688 studi, più della metà dei quali già pubblicati, particolarmente interessati all’azione antiinfiammatoria della curcumina, che potrebbe giocare un ruolo fondamentale anche nella prevenzione di patologie come eziopatogenesi infiammatoria.

Fonti: Uatta – Taccuinistorici – My-personaltrainer – Wikipedia

Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.

REDAZIONE

Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.