NutrizioneSalute

Che cos’è la macrobiotica

Sapete cos’è la macrobiotica? Si tratterebbe di un particolare insieme di regole alimentari mirate a migliorare la salute delle persone che le seguono. Una filosofia che vede il cibo come uno strumento.

Per spiegare che cos’è la macrobiotica è utile cominciare proprio dalla parola, composta da Makros, traducibile come «lungo, grande» e Bios, «vita». Questo è l’obiettivo della macrobiotica, un regime alimentare che pensa al cibo come uno strumento per migliorare la salute. La base di questa dieta è strettamente filosofica: gli alimenti si distinguono tra quelli Yin e quelli Yang, da bilanciare per trovare l’equilibrio tra forze antagoniste e complementari.

Che cos e la macrobiotica

Alimentazione macrobiotica

Uno dei più grandi esperti di dell’alimentazione macrobiotica, Yukikazu Sakurazawa, la descriveva come una «un’applicazione nella vita quotidiana dei principi della filosofia orientale». Per questo motivo il momento dei pasti il semplice mangiare era visto come un momento fondamentale per mantenere in equilibrio le due forze che governano l’universo, distinguendo anche i cibi in due categorie.

  • Cibi Yang: I cibi Yang sono quelli che in generale contengono più sodio, tendono ad avere un sapore più salato e vengono considerati ad alto grado di alcalinità.
  • Cibi Yin: Sul fronte opposto abbiamo i cibi Yin, quelli che contengono più potassio. Sono gli alimenti con un sapore più dolce, piccante e generalmente hanno un forte grado di acidità.
Che cos e la macrobiotica

Non si tratta infatti di una semplice versione di una dieta vegetariana, come alcuni pensano, ma si basa su alcune considerazioni più «metafisiche» riguardo al cibo. Ma in pratica quindi cosa mangia una persona che segue questa particolare alimentazione?

  • Verdure e alghe, per un 20-30% dei pasti, consumate sia crude che cotte, come cavoli, carote, finocchi, zucchine e fagiolini
  • Legumi, da un 10-20%, che possono essere i classici che conosciamo come fagioli, lenticchie e ceci o alternative più orientali come il tofu.
  • Cereali integrali, a comporre il 50% della dieta, devono essere raffinati il meno possibile, il riso in primis, ma anche grano saraceno, mais e avena sono molto apprezzati.
  • Frutta fresca per finire, sempre molto importante, senza aggiungere zucchero.
Che cos e la macrobiotica

A questi alimenti si aggiungono alcune regole che secondo la macrobiotica sarebbero molto importanti da seguire, tra cui le più importanti sono sicuramente evitare i cibi elaborati con sostanze artificiali e masticare a lungo. Andrebbero poi completamente eliminati caffè, miele, zucchero e tutti gli alimenti che li contengono. C’è da dire che la macrobiotica non ha un’esclusiva chiave di lettura, anzi, sono molte le correnti all’interno di questa filosofia che offrono interpretazioni anche radicalmente diverse dall’originale, criticando le altre varianti.

Chiudiamo con un punto da tenere sicuramente in considerazione: molte delle teorie alla base della macrobiotica non hanno valore scientifico, dall’acidificazione o alcalinizzazione del sangue alle energie dei cibi. Addirittura il Cancer Research UK ha ufficialmente dichiarato che non esiste alcuna prova che la macrobiotica possa trattare o curare il cancro o qualsiasi altra malattia. Se a questo si aggiunge che questo regime alimentare esclude diverse categorie di alimenti c’è la seria possibilità di incorrere in deficit nutrizionali, come carenze di ferro o della vitamina B12. Quando si tratta di alimentazione, soprattutto per i più piccoli, è sempre meglio rivolgersi ad un esperto.

Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazioni indesiderate.

Matteo Buonanno Seves
Un giovane laureato in Scienze Gastronomiche con la passione per il giornalismo e il mai noioso mondo del cibo, perennemente impegnato nel tentativo di schivare le solite ricette e recensioni in favore di qualcosa di più originale.