CulturaHot TopicScienza

Cos’è la cyber agricoltura

Mai sentito parlare di cyber agricoltura? Si tratta della nuova frontiera della coltivazione che si avvale della scienza per ottimizzare la produzione e le caratteristiche dei vegetali.

La cyber agricoltura è una nuova disciplina che avvalendosi della scienza e delle nuove tecnologie disponibili punta a migliorare le condizioni di crescita dei vegetali al fine di ottenere le caratteristiche desiderate. Si tratta di un ambito che sta vivendo un forte sviluppo e impegnando i centri di ricerca più importanti del mondo. Ecco di cosa si tratta.

cyber agricoltura

La cyber agricoltura e il futuro dei prodotti vegetali

L’idea alla base della cyber agricoltura è quella di controllare – avvalendosi di scienza e tecnologia – le variabili intervenienti nella crescita e nello sviluppo della pianta in modo da ottenere il risultato desiderato. Per fare ciò ci si avvale: di ambienti altamente controllati, di sistemi robotici, del monitoraggio dettagliato della risposta dei vegetali a diversi stimoli, di modelli statistici dettagliati e del machine learning, per automatizzare le best practice da mettere in atto.

cyber agricoltura futuro vegetali

Lo scopo della della cyber agricoltura è quello di ottenere dalle piante esattamente quanto ci si aspetta, massimizzando le caratteristiche di interesse e inibendo quelle prive di una funzionalità specifica. In questo modo sarà, per esempio, possibile ottenere delle piantine di basilico in cui gli aromi e la consistenza delle foglie risultino perfetti dal punto di vista gastronomico. Interessante risulta, inoltre, il fatto che non si debba agire direttamente sulla pianta bensì sulle variabili che la circondano, andando così a «indirizzare» i suoi naturali processi di sviluppo.

cyber-agricoltura-MIT
Foto di Boston Globe

Una tecnologia come la cyber agricoltura richiede di avere a disposizione un vasto bagaglio di dati e di conoscenze. In tal senso si stanno aprendo le prime iniziative per uno scambio di informazioni open source tra i diversi operatori, col fine di unificare quanto si sa in materia al fine ottenere un progresso generalizzato della disciplina. Una tra tutti l’Open Agriculture Initiative, promossa dal prestigioso MIT (Massachusetts Institute of Technology). Queste pratiche risultano, inoltre, perfette per le coltivazioni di acquaponica, di idroponica e per quelle verticali. È proprio il caso di dirlo: il futuro è cyber!

blank
Chitarrista, motociclista, da sempre appassionato di scienza, tecnica e natura. Sono laureato in Psicologia del Lavoro e della Comunicazione. Curioso per natura amo i viaggi, il buon vino e scoprire cose nuove. Da qualche anno nel settore del marketing digitale e della comunicazione.