CulturaStoria

Cos’è il cibo Kosher

Il cibo Kosher è quello in accordo con la norma ebraica della Kashrut, un’insieme di regole alimentari derivate direttamente dalla Torah.

Parlare di cibo Kosher significa addentrarsi nel cuore della tradizione ebraica. Infatti la definizione di quest’ultimo è legata alle norme contenute nella Kashrut (o casherut) la legge alimentare derivata dai libri Levitico e Deuteronomio della Torah. Essa prevede diverse norme alimentari da seguire e lo stesso termine Kosher significa «permesso, consentito dalla legge». Infatti, secondo queste leggi vi sono sia alimenti che preparazioni concessi e proibiti.

cibo kosher

Carne e derivati animali kosher

La carne kosher deve provenire da animali che rispettino due principali caratteristiche, ossia: che posseggano uno zoccolo fesso – per intendersi, gli equini non sono ammessi – e che ruminino, escludendo così il maiale. Non sono ammessi invece carnivori, uccelli da preda, rettili, anfibi, insetti (con alcune eccezioni come per le locuste) e animali uccisi da altri animali. Non sono inoltre ammessi pesci privi di scaglie e pinne. Nello stesso modo sono proibiti molluschi e crostacei. La norma prevede inoltre una particolare macellazione che non comporti sofferenze all’animale, tramite una taglio rapido e profondo dei vasi sanguigni del collo.

carne kosher

Secondo la regola kosher non si possono consumare sangue, vasi sanguigni e alcuni tessuti animali. Nello stesso modo alcune parti di grasso non possono essere consumate. Per quanto riguarda i latticini non è consentito il consumo di derivati da latte di animali impuri (vedasi le regole sulla carne) e di animali selvatici. Così come formaggi prodotti utilizzando derivati animali. Soprattutto considerando il divieto di mangiare carne e latticini insieme. Le uova, invece, non devono contenere sangue e devono essere sottoposte a un controllo visivo.

Frutta, verdura e vegetali kosher

Le regole relative al cibo kosher sono più permissive in tema di frutta, verdura e vegetali, con qualche attenzione necessaria. Sono infatti concessi tutti i prodotti del suolo, delle piante, dei cespugli e degli alberi. Non sono concesse tuttavia ibridazioni e non è permesso consumare i frutti di piante più giovani di tre anni, così come grani troppo giovani, da cui non si può nemmeno panificare.

frutta verdura vegetali kosher

Vino kosher

Anche sul vino esistono regole ben precise. Nella produzione di vino kosher non è possibile, per esempio, utilizzare derivati animali o lieviti aggiunti. Inoltre, tutti gli utensili utilizzati devono essere lavati sotto attenta supervisione e l’uva non può derivare da piante ibridate. Senza contare che non è possibile riempire più volte la stessa bottiglia. Inoltre il vino kosher non dovrebbe essere prodotto da non ebrei.

vino kosher

Altre curiosità sul cibo kosher

Le regole relative al cibo kosher si sono evolute negli anni e in alcuni casi anche allentate, anche a causa dell’avvento dell’industria che utilizza normalmente ingredienti pre-processati. Tuttavia certe norme rimangono anche nella vita quotidiana, come per esempio l’abitudine di avere stoviglie separate per la carne e per il formaggio. Così come l’obbligo di non cucinare durante lo Shabbat. Inoltre è interessante sapere che alcuni utensili possono essere purificati in acqua calda o attraverso l’uso di una fiamma per poter essere utilizzati per cucinare cibo kosher.

TOPIC cucinaKosher
REDAZIONE
Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.