AnimaliAnimali domestici

Coronavirus e animali domestici: tutto quello che bisogna sapere

Bisogna essere scrupolosi, ma nella consapevolezza che Coronavirus e animali domestici pare non abbiano alcun rapporto diretto.

C’è stato un caso a Hong Kong, che ha fatto il giro del mondo, di un cane affetto da Covid-19. Un informazione che ha creato preoccupazione agli amanti dei pets, per il rapporto tra Coronavirus e animali domestici, ma i veterinari comunicano di non lasciarsi prendere dalla paura e di attenersi alle norme igieniche.

coronavirus-animali-domestici

Il caso del cane affetto da Coronavirus

Purtroppo siamo stati mediaticamente sottoposti al caso del cane affetto da Coronavirus nei giorni scorsi a Hong Kong, una “debole positività” come sottolinea il Dottore Cesare Pierbattisti, medico veterinario. Un virus, mediamente, aggredisce solo una specie e difficilmente passa tra animali e umani, non è questo il caso della Sars per esempio e della Mers. La stessa cosa sta succedendo con il Covid-19, virus che molto probabilmente è partito dagli animali, i pipistrelli, ed è poi passato all’uomo: una condizione non nuova per i virologi, ma che non dipende dal contatto con l’animale stesso, ma dalle abitudini alimentari. Come spiega il Dottor Pierbattisti, in alcune zone della Cina è consuetudine nutrirsi di pipistrelli e di mantenerli in vita nei mercati rionali, come succedeva da noi con il pollame. Il medico veterinario prosegue specificando che i pipistrelli in Cina sono volpi volanti, molto diversi dalle specie presenti sul nostro territorio, inoltre non esistono prove che questo salto della specie avvenga tra cani o gatti e umani. Nella situazione attuale, quindi del rapporto tra Coronavirus e animali domestici, non si può escludere al 100% un possibile contagio, ma se fosse davvero possibile, sarebbe già successo.


Cosa bisogna fare se si hanno animali domestici?

Come ha sottolineato il responsabile tecnico per il Coronavirus dell’unità malattie emergenti dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) Maria Van Kerkhove, il rapporto tra Coronavirus e animali domestici non deve destare preoccupazioni,« non ci sono casi che dimostrano che gli animali siano un vettore ne che l’uomo lo sia per loro». I consigli che hanno dato gli esperti, sono i medesimi che vengono veicolati tra esseri umani:

  • Evitare di baciare i propri animali domestici, non solo in questa situazione «di emergenza», ma dovrebbe essere una regola universalmente condivisa perché gli animali per natura sono abituati a leccare tutto, mordere e pulirsi le zone intime;
  • Potete accarezzare e coccolare i vostri animali domestici, ma è buona norma igienica lavarsi poi le mani;
  • Non mettere le mani in bocca al vostro animale e poi nella vostra bocca, cosa normale tra persone, quindi è giusto non farlo nemmeno con i vostri pets;
  • Non dormire con il proprio animale, esattamente come sarebbe buona norma non farlo salire sul divano: come sottolinea il dottore Cesare Pierbattisti , «lei andrebbe a dormire o salirebbe sul divano con le scarpe?», l’animale domestico è abituato, per ovvie ragioni, a girovagare scalzo, quindi tutti i germi presenti in strada fanno ingresso nelle vostre abitazioni. Se proprio non è possibile rispettare queste due regole si può ricorrere alle salviettine igienizzanti per il pelo degli animali e pulire quotidianamente zampe e muso.
  • Avere buon senso, le norme igieniche che vengono rispettate quotidianamente tra le persone devono valere anche con gli animali domestici, la parola rispetto vale per il prossimo che sia un animale o una persona.

Non esiste un rapporto diretto tra Coronavirus e animali domestici, ma bisogna avere senso di responsabilità e attenersi alle norme igieniche diffuse dall’OMS. Inoltre tutti i veterinari si stanno attenendo alle regole di prevenzione di igiene indicati dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, per la loro sicurezza, quella dei pazienti e dei loro padroni.

blank
Giornalista pubblicista, attratta dalla natura e dal benessere, una persona dinamica e motivata da una costante voglia di conoscere il mondo che la circonda. Laureata in Relazioni Pubbliche e Pubblicità, con uno spiccato interesse per la moda, lo yoga e la buona cucina.