AttualitàLifestyle

Come fare una pausa pranzo più salutare

Per fare una pausa pranzo più salutare è utile seguire qualche consiglio, ma il punto in comune rimane uno: avere un po’ di tempo a disposizione.

Volete fare una pausa pranzo più salutare? Non si tratta di una missione impossibile, basta armarsi di un po’ di pazienza, e in molti casi, di muoversi in anticipo. I vantaggi sono innumerevoli, da un’alimentazione più sana a una quantità maggiore di energie da spendere al proprio ritorno dalla pausa pranzo, riuscendo anche a farci risparmiare.

pausa pranzo salutare

Farsi il proprio pranzo a casa

Questo è forse il consiglio più scontato ma, allo stesso tempo, quello un po’ più difficile da seguire e anche quello che fa maggiormente la differenza. Il primo passo per una pausa pranzo più sana sta nel cucinare il proprio piatto a casa, non si può girare molto attorno a questo punto.

Preparando il vostro pasto saprete esattamente cosa state per mangiare, potrete calibrarlo meglio sulle vostre esigenze, evitando, per esempio, ingredienti che possano appesantirvi. Potrete limitare le calorie, nel caso stiate seguendo una dieta ipocalorica, o magari preparare un pasto più abbondante se vi aspettate di avere una giornata particolarmente impegnativa.

Non mangiare alla scrivania

Un altro consiglio per fare una pausa pranzo più salutare è di non stare alla propria scrivania: nel caso abbiate la fortuna di lavorare vicino ad un’area verde, un parco o una piazza piacevolmente piena di persone, è sempre una buona idea andarci. Vi permetterà di sgranchirvi le gambe, riattivare la circolazione e, se il vostro lavoro è particolarmente sedentario, vi aiuterà a mettere in moto l’organismo.

Cambiare contesto è utile anche a stimolare il vostro senso di sazietà: mangiare senza badare al proprio pranzo, continuando a rimanere completamente assorbiti dal lavoro, rende più difficile cogliere i segnali di sazietà che il vostro metabolismo vi sta lanciando. Quindi gambe in spalla, anche solo per una passeggiata di 15 minuti.

mangiare scrivania

Fare allenamento

Anche questo è un consiglio che non tutti hanno la possibilità di seguire, ma se volete avere la regina delle pause pranzo salutari inserite un breve allenamento da 20 minuti nell’ora che avrete a disposizione. Gli esperti hanno sottolineato che brevi sessioni molto intense di sforzo fisico sono uno dei modi migliori per perdere peso e tonificare i muscoli.

Può essere difficile pensare di poter far coesistere il tempo per saziarsi con quello per la palestra, ma un allenamento in pausa pranzo sarà la vera svolta per far esplodere il vostro fisico di energia e determinazione. Del resto è anche una questione di attitudine mentale: se riuscirete in questa sfida, difficilmente potrete trovare qualsiasi altro impegno fuori dalla vostra portata.

Bere responsabilmente

Non esiste un buon pasto senza la corretta dose di liquidi, ma bisogna stare attenti: non è solo importante cosa si sta bevendo, ma anche la quantità. Ovviamente sarebbero da escludere tutte le bevande alcoliche e zuccherate, compresi, purtroppo, anche i succhi di frutta, che andrebbero consumati con molta parsimonia.

L’acqua sarebbe l’unica bevanda consentita, ma non bisogna esagerare. Molto spesso pensiamo che se ne possa bere liberamente, ma un eccessivo consumo di acqua può rendere la digestione più difficile, o addirittura causare reflusso gastrico, come sottolinea la dietista Gillian Killiner.

Non esagerare con i carboidrati

Ultimo ma non ultimo un consiglio utile alla composizione dei vostri pasti: per una pausa pranzo più salutare è necessario moderare la quantità di carboidrati introdotti. Pane e pasta, da questo punto di vista, potrebbero non essere la scelta migliore, nonostante siano entrambi semplici alternative per riempire lo stomaco.

A pranzo sarebbe meglio optare per un pasto orientato verso le proteine, con una dose di carboidrati a basso indice glicemico per accompagnare. Il riso integrale, per esempio, è un alimento molto consigliato, assieme a pesce o carne di pollo.

REDAZIONE

Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.