AttualitàHot TopicLifestyle

Cibo e arte: il fascino del cibo non commestibile

Il rapporto tra cibo e arte si perde indietro di decenni, se non secoli, e ora assistiamo al ritorno della passione per il cibo non commestibile.

Con il binomio cibo e arte potrebbe venirci in mente la banana di Cattelan, ma il movimento del cibo non commestibile come oggetto affascinante sta sempre più prendendo piede, anche negli oggetti con cui decoriamo le nostre case. Quello su cui si concentrano i moderni artisti e artigiani, per esempio, sono le forme, come le geometrie naturali di un ortaggio o la crosta variegata di un panificato.

Cibo e arte: il fascino del cibo non commestibile
Foto da Instagram / pampshade_by_yukiko_morita

Le forme del cibo nell’arte

Quando si parla di cibo nell’arte tra i primi esempi a venire alla mente c’è sicuramente Filippo Marinetti con il suo Libro di Cucina Futurista, ormai di quasi 90 anni fa. Fu in quel momento che, almeno in una prospettiva moderna, il cibo andò molto oltre la sua funzione di alimento e divenne un mezzo per esprimere concetti complessi, comprese le performance artistiche.

forme del cibo nell’arte
Foto da Instagram / 12Thirteen_store

In realtà però si può andare molto oltre, indietro nel tempo fin dalle prime opere di narrazione create dall’uomo. Nell’epopea di Ghilgamesh, un’opera scritta presumibilmente quasi 3000 anni fa, il pane e la birra sono utilizzati come simbolo di civiltà, del controllo dell’uomo sulla natura.

Tortellini di Stephanie Shih
Foto da Instagram / Stephanie Shih

Oggi c’è un ritorno molto diffuso del cibo come arte, basti prendere per esempio Lexie Smith, di cui abbiamo parlato in un precedente articolo, che crea arte con il semplice pane. Pane che diventa anche una lampada, acquistabile come un comune soprammobile, o candele ispirate alle forme del broccolo romano, la cui forma racchiude anche un mistero matematico.

Arte nel cibo, Laura Chautin

Ci sono anche artisti come Laura Chautin, che ha creato una serie di soprammobili ispirati al cibo, tra cui frutta e verdura ma anche piatti più complessi come il sushi. O ancora Stephanie Shih, che crea collezioni di piccoli gioielli prendendo spunto dal cibo, tra cui spiccano una serie chiamata «tortellini» ispirata alla pasta ripiena da tutto il mondo modellata in oro.

TOPIC artecibo
REDAZIONE
Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.