Cultura

Che differenza c’è tra valanga e slavina?

Valanga e slavina vengono spesso usati come sinonimi, ma tra le due parole esiste una differenza o indicano davvero gli stessi drammatici eventi?

D’inverno imbattersi nei termini “valanga” e “slavina” tra le pagine di cronaca non è purtroppo raro e spesso chiedersi se tra le due parole esista una differenza è quasi automatico. Entrambi i vocaboli vengono utilizzati per indicare eventi drammatici che possono avere conseguenze importanti, ma, tanto i dizionari, quanto gli enti del settore, chiariscono che essi sono sostanzialmente sinonimi.

differenza valanga slavina
Foto: Bernard Bertrand @Pexels

Valanga

Per capire se tra valanga e slavina esiste una seppur minima differenza è necessario partire dal significato del primo termine. Questo viene definito come una massa di neve e detriti, che precipita lungo un pendio, ingrossandosi progressivamente e abbattendo tutto ciò che incontra. Il termine è di origine latina. Al tempo tali eventi venivano, infatti, definiti “lavanchiae”, e pare che tale vocabolo possa essere fatto risalire persino a un’epoca antecedente a quella Romana e che sia di genesi Ligure. La radice è la stessa della parola “lave” che indica lo scorrere verso il basso di fango o lava. Più tardi la confusione con il francese “aval” che significa “verso valle” ha portato alla nascita del vocabolo “avalanche”, usato in inglese e francese, poi traslitterato nell’italiano valanga.

Slavina

Per comprendere se esiste una qualche differenza tra valanga e slavina, guardare alla definizione del secondo tipo di evento aiuta. Nei dizionari si legge che una slavina è una massa di neve che scivola lungo un pendio montano. L’origine del vocabolo è, ancora una volta, latina. Simili eventi venivano, infatti, chiamati anche “labinae” e la radice è quella del verbo “labi” che significa slittare o scivolare verso il basso. Con l’evolversi della lingua e con l’interscambiabilità tra b, v e u nelle diverse regioni d’Italia la parola è mutata e dal termine tedesco “lavine”, introdotto da Goethe, è nato quello odierno. Alcune fonti specificano che le slavine si staccano prevalentemente in primavera, ma la distinzione appare marginale.

Differenza tra valanga e slavina

Tra una valanga e una slavina non esiste, insomma, sostanziale differenza. A ribadirlo ci ha pensato anche l’AINEVA, Associazione Interregionale Neve e Valanghe. Essa si occupa del coordinamento tra regioni e province autonome dell’arco alpino nell’ambito di prevenzione e informazione sui rischi connessi alla neve. L’ente consiglia l’uso del termine valanga per ragioni di uniformità, ma specifica che gli eventi racchiusi in tale definizione non sono omogenei e ben classificabili.

A variare sono, infatti, quantità di materiale caduto e tipo di neve che si distacca. Le cause possono essere, però, divise fondamentalmente in due gruppi. Quelle naturali sono identificabili con aumenti di temperatura, infiltrazioni d’acqua o eventi atmosferici. Quelle umane comprendono, invece, il passaggio di sciatori o veicoli in punti in cui il manto nevoso è poco stabile.

Una volta compreso che tra valanga e slavina non esiste una vera e propria differenza la confusione si attenua. I distaccamenti si verificano soprattutto tra dicembre e aprile. Ad alte quote, però, nulla vieta che le masse di neve e ghiaccio inizino la loro discesa anche in altre stagioni. I dati relativi ai rischi si rivelano, dunque, una risorsa mai trascurabile.

blank
Laureata in Filosofia, credo fermamente che ogni sfaccettatura del sapere umano meriti di essere inseguita. Amo la lettura, gli animali e la natura e penso che solo continuando a farsi domande sia possibile mantenere uno sguardo vigile sul mondo.