BevandeVini & Spumanti

Che cos’è il Governo all’Uso Toscano

Il Governo all’Uso Toscano è una metodologia di lavorazione prevista dal disciplinare del Chianti che comporta una particolare lenta rifermentazione.

Il Chianti prevede da disciplinare una lavorazione detta Governo all’Uso Toscano. Questa consiste in una lenta seconda rifermentazione capace di conferire al vino un gusto fruttato e leggermente frizzante. Il risultato è un prodotto piacevole e fresco, da consumare ancora giovane.

Cos’è il Governo all’Uso Toscano

Come si fa il Governo all’Uso Toscano

La composizione del Chianti era già stata individuata ufficialmente agli inizi dell’800, con un 70% di Sangiovese, un 15% di Canaiolo e un 15% di Malvasia, insieme alla metodologia del Governo all’Uso Toscano. Ancor oggi questa consiste in una selezione pre-vendemmia di una porzione d’uva, particolarmente sana e matura, lasciata appassire per sei settimane all’aria, disposta su graticci. Nel contempo si procede con la produzione tradizionale del Chianti – che oggi prevede anche l’utilizzo di altri vitigni coltivati in loco – al quale, finita la prima fermentazione, viene aggiunto il mosto ricavato dalla selezione effettuata prima della vendemmia, in modo che inizi una lenta seconda fermentazione in botte che si protrarrà fino alla primavera successiva.

Governo all’uso toscano come si fa

Se per il classico Chianti è poi previsto un affinamento nel legno e poi in bottiglia, il che consente una buona stagionatura, il vino «governato» è pensato per essere consumato giovane, l’anno successivo alla vendemmia. Ciò che si ottiene è un prodotto fresco e leggermente frizzante, con delle piacevoli note fruttate che ne garantiscono una facile beva. Si tratta di un vino davvero interessante, foss’anche solo per il particolare metodo produttivo. Una specialità da non perdersi, specialmente se si ha l’occasione di visitare le meravigliose terre del Chianti. Questo vino è ottimo per accompagnare un buon aperitivo o da cornice per una gustosa grigliata di carne. Il Governo all’Uso Toscano, tuttavia, oggi viene utilizzato anche per altri vini, come il Carminiano e per alcuni prodotti siciliani.

TOPIC Toscanavino
blank
Chitarrista, motociclista, da sempre appassionato di scienza, tecnica e natura. Sono laureato in Psicologia del Lavoro e della Comunicazione. Curioso per natura amo i viaggi, il buon vino e scoprire cose nuove. Da qualche anno nel settore del marketing digitale e della comunicazione.