MedicinaSalute

Caffè, alcol e qualche chilo in più: il segreto di una lunga vita?

È possibile che caffè, alcol e qualche chilo in più siano il segreto di una lunga vita? Uno studio mostra che potrebbe essere proprio così!

Di ricette per una buona salute se ne sono sentite molte, ma una che combinasse caffè, alcol e qualche chilo in più come segreto per una lunga vita risulta una vera novità. Per quanto questa notizia possa lasciare perplessi molti, è frutto dei risultati di un serio studio iniziato nel 2003 il quale ha coinvolto ben 14.000 soggetti.

lunga vita

Per vivere a lungo servono caffeina, alcol e un po’ di sovrappeso

Non si tratta dell’ultima trovata modaiola pensata per far scandalo, ma del risultato di una ricerca scientifica condotta da un team del University of California’s Irvine Institute for Memory Impairments and Neurological Disorders. Lo studio è durato sedici anni è ha riguardato un campione di 14.000 soggetti con un’età attorno ai 70 anni. Quello che è risultato evidente è stato che un moderato consumo di caffè, alcol e qualche chilo in più aumentino le probabilità dei 70enni di raggiungere e superare la ragguardevole età di 90 anni. Il traguardo, inoltre, non riguarda soltanto l’anagrafica: infatti, ai soggetti sono stati sottoposti test cognitivi e fisici ogni sei mesi, osservando che caffeina, alcol e sovrappeso erano positivamente correlati ad un migliore stato psico-fisico.

caffè alcol sovrappeso lunga vita

Specialmente la caffeina era stata già associata ad una vita salutare da un altro importante studio condotto da un team della prestigiosa Stanford University, pubblicato sul Nature Medicine Journal. Quanto ha mostrato la ricerca riguardava il collegamento tra il consumo di caffè e un basso livello di attivazione dei geni collegati alle infiammazioni. Il che risparmia, per l’appunto, i soggetti da diversi disturbi legati a stati infiammatori cronici. Chi pensava che il segreto di una lunga stesse tutto in sport, frutta e verdura, trova in questi risultati non solo un grattacapo. Senza dimenticare alcuni reali esempi d’eccellenza, come il caso del veterano americano della seconda guerra mondiale, Richard Overton, deceduto di recente alla veneranda età di 112 anni, il quale ha dichiarato di bere ogni mattina una tazza di caffè con panna, zucchero e whisky. Pare non ci sia altro da aggiungere!

blank

Chitarrista, motociclista, da sempre appassionato di scienza, tecnica e natura. Sono laureato in Psicologia del Lavoro e della Comunicazione. Curioso per natura amo i viaggi, il buon vino e scoprire cose nuove. Da qualche anno nel settore del marketing digitale e della comunicazione.