AttualitàLifestyle

Bicicletta a ruote quadrate: istruzioni per l’uso

Protagonista della seconda prova della maturità, la bicicletta a ruote quadrate può sembrare un semplice scherzo di cattivo gusto, ma ne esistono diverse nel mondo reale e sì, le potete anche provare.


Se lo staranno sicuramente chiedendo tutti gli studenti dei Licei Scientifici italiani oggi alle prese con la seconda prova, quella di matematica, che ha voluto cogliere di sorpresa i maturandi con un problema particolare: come funziona una bicicletta con le ruote quadrate? Ma soprattutto, è possibile pedalarci?

Bicicletta a ruote quadrate: istruzioni per l'uso

La risposta al MoMath di New York

Non sono stati solo gli esperti dietro le prove di maturità a rimanere affascinati dall’argomento. Dal dicembre 2012 a New York esiste un luogo, il National Museum of Mathematics, per gli amici MoMath, in cui è addirittura possibile farsi una pedalata su alcuni tricicli dalle ruote quadrate.

Per rendere l’esperienza possibile però gli allestitori hanno dovuto costruire una particolare piattaforma dal pavimento ondulato, in modo che i mezzi riuscissero a muoversi nonostante la forma delle ruote poco collaborativa.

Il segreto: gobbe e matematica

È proprio nella particolare forma del pavimento che sta il segreto di questi tricicli: le curve, come si può vedere dal video, hanno un andamento particolare, si dicono catenarie, in parole povere assumono la stessa forma di una catena che pende tra due pali. Per poter disegnare queste curve con precisione occorre conoscere una funzione matematica specifica, grazie alla quale si possono ricavare gobbe della giusta dimensione. Ed è proprio su questa funzione che i nostri maturandi si stanno spremendo le meningi.

Insomma, sono proprio queste particolari gobbe che permettono al mezzo di muoversi come se niente fosse, anche se bisogna stare attenti: per la pista del MoMath i tricicli hanno tutte le ruote di dimensioni differenti, sapreste indovinare il motivo?

Fonti: lnx.sinapsi.org – studenti.it – wikipedia.org – MoMath

Matteo Buonanno Seves
Un giovane laureato in Scienze Gastronomiche con la passione per il giornalismo e il mai noioso mondo del cibo, perennemente impegnato nel tentativo di schivare le solite ricette e recensioni in favore di qualcosa di più originale.