AttualitàEcologiaLifestyle

Abitazioni sostenibili: 5 consigli utili per cambiare stile

Come avere abitazioni sostenibili? Arredamento, tessuti, materiali naturali e piante, fino alla scelta del soffione per la doccia. Ecco 5 consigli utili

È possibile rendere le nostre abitazioni più sostenibili? Secondo i dati dell’ultima ricerca Houzz&Home durante la ristrutturazione degli immobili il 50% dei proprietari di casa predilige l’efficienza energetica, mentre il 19% dà priorità all’inserimento di materiali green. C’è dunque una certa sensibilità al tema, anche attraverso piccoli accorgimenti e nuove abitudini. Ecco 5 consigli per contribuire a salvaguardare l’ambiente e il pianeta.

Abitazioni sostenibili

LEGGI ANCHE: La casa sostenibile del futuro sarà viva e crescerà da sola

Prediligere arredamento vintage

Per avere abitazioni più sostenibili si può partire dallo scegliere di acquistare pezzi d’arredo vintage e reinterpretarli secondo il proprio gusto. Gli arredamenti vintage possono essere abbinati a mobili moderni o accostati ad altri stili, ma recuperarli e reinterpretarli assume un nuovo significato oggi: quello di seguire il modello economico dell’economia circolare. Una tendenza che evita la produzione ex novo riducendo di fatto gli sprechi.

Scegliere legno certificato

Arredare la casa secondo uno stile eco-friendly per abitazioni sostenibili implica lo scegliere materiali naturali. Il legno è uno di questi, l’importante è che provenga da foreste gestite responsabilmente . Per questo è utile controllare che abbia la certificazione Forest Stewardship Council (Fsc). Si possono, inoltre, scegliere altri materiali sostenibili, come ad esempio il bambù.

Selezionare tessuti innovativi

Acquistare tessuti in fibre alternative contribuisce a rendere le abitazioni sostenibili perché questi consentono di evitare l’esaurimento di materie prime e la produzione di rifiuti. Le opzioni tra cui scegliere oggi sono molte; alcuni esempi: tessuti in cellulosa bio, fibre colorate con tinture naturali e sostanze chimiche non tossiche o, ancora, tessuti realizzati con scarti alimentari. Tra questi ultimi, a titolo non esaustivo, i resti delle arance utilizzate per la spremitura o il carapace di scarto della lavorazione della polpa di granchio.

Rendere regolabile il flusso d’acqua della doccia

Alcuni piccoli accorgimenti possono contribuire a rendere le abitazioni sostenibili. Tra questi la scelta del soffione della doccia. Uno dal flusso regolabile o a basso flusso permette di risparmiare acqua, riducendone lo spreco, perché consuma in media 2 litri al minuto contro i 6 dei vecchi soffioni.

Ossigenare gli ambienti

Avere delle piante in casa rende le abitazioni più sostenibili perché permette di purificare l’aria, contrastare l’umidità e ossigenare l’ambiente. Inoltre donano benessere, rendendo gli spazi più accoglienti ed eleganti. Tra le piante più indicate da tenere in casa ci sono aloe, bonsai e palma areca.

Piccoli accorgimenti che possono fare una grande differenza per avere abitazioni sostenibili e ridurre il nostro impatto sull’ambiente. Scelte che consentono di rendere la casa accogliente, originale e personalizzata senza però andare a incidere ulteriormente sull’equilibrio ormai precario del nostro pianeta. Una consapevolezza di cui ormai bisogna prendere atto se si vuol veramente fare qualcosa per cambiare la situazione.

REDAZIONE
Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.