AnimaliFood

6 curiosità sul primo museo vegano del mondo

E' stato fondato a Chicago per promuovere questo stile di vita. Tra le varie cose, conserva la ricetta di una delle prime alternative alla carne prodotte

Dov’è stata prodotta una delle prime alternative alla carne? Davvero Pitagora era vegetariano? Se siete curiosi di conoscere le risposte a queste domande (senza fare ricerche online) e state pianificando per il futuro un viaggio negli Stati Uniti, il posto giusto dove trovarle è il Vegan Museum di Chicago. Si tratta del primo museo nel suo genere, fondato  per promuovere lo stile di vita vegano e i suoi benefici per la salute, l’ambiente e gli animali. Sono numerose le curiosità che lo riguardano o che si possono scoprire al suo interno. Eccone alcune.

Museo vegano

1. Si chiamava National Vegetarian Museum

Il museo ha cambiato recentissimamente nome. In precedenza si chiamava National Vegetarian Museum. In occasione del decimo anniversario della nascita di Donald Watson, fondatore della Vegan Society che coniò per primo il termine “veganismo”, l’ente ha deciso di onorare il suo lavoro modificando la denominazione.

2. Il museo è nato da una… delusione

La fondatrice Kay Stepkin era convinta di aver aperto il primo ristorante vegetariano di Chicago. Dopo aver scoperto che l’area metropolitana era in realtà ricca di locali con menù senza carne e che le prime iniziative imprenditoriali risalivano addirittura al 1893, ha deciso di impegnarsi ancora di più per promuovere questo stile di vita fondando il museo nel 2016.

3. È l’unico museo dedicato al movimento vegano

The Vegan Museum è l’unico completamente dedicato alla storia sul movimento vegano e che si pone l’obbiettivo di educare i visitatori sui molti benefici che derivano da questo stile di vita: dalla tutela degli animali agli effetti positivi per la nostra salute e per quella del pianeta.

4. Conserva la prima copia della rivista Vegetarian Times

Nel museo è possibile vedere la prima copia in assoluto del Vegetarian Times, rivista periodica americana dedicata al mondo vegetariano e vegano che ha cessato le pubblicazioni nel 2016. Il magazine è stato fondata da Paul Obis che ai tempi della prima uscita, nel 1974, distribuiva la rivista girando per le strade in bicicletta. Il primo numero contiene anche molti suoi articoli!

5. Una delle prime alternative alla carne è stata prodotta nel Midwest

Tra le scoperte curiose che si possono fare al Vegan Museum, c’è la ricetta di una delle prime alternative alla carne prodotta in tutto il mondo. La proposta era stata sviluppata proprio nel Midwest, la grande regione che include Chicago, ed era chiamata “Protose”. Conosciuta anche come “carne vegetale” era a  base di arachidi e glutine di grano.

6. Chi studiava con Pitagora doveva diventare vegetariano

In questo museo, infine, è possibile scoprire alcuni dettagli sullo stile di vita di uno dei più grandi filosofi greci, Pitagora. L’inventore del famoso teorema era un convinto vegetariano e chi voleva seguire i suoi insegnamenti era costretto a seguire la sua stessa alimentazione.

REDAZIONE
Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.