AmbienteEcologia

Vuoi il diploma? Devi piantare 10 alberi. La nuova legge nelle Filippine

Nelle Filippine nuova legge obbliga studenti di elementari, medie e superiori a piantare 10 alberi come parte dell’ «esame» per diplomarsi.

Gli studenti che vorranno ottenere il diploma nelle Filippine dovranno piantare 10 alberi come parte dell’«esame». La nuova legge renderà il procedimento obbligatorio per tutti i ragazzi delle scuole elementari, medie e superiori. Al momento approvata alla Camera ora aspetta la ratifica del Senato.

LEGGI ANCHE: Un miliardo di alberi per il rimboschimento del Pakistan

legge alberi filippine

Piantare 10 alberi per il diploma: la nuova legge delle Filippine

Secondo le stime del governo filippino la nuova legge interesserà almeno 12 milioni di bambini delle elementari, 5 milioni di bambini delle medie e circa mezzo milione di studenti delle superiori, ogni anno. Piantare 10 alberi per studente diplomato, significa circa 175 milioni di nuovi alberi piantati sul territorio nazionale delle Filippine ogni anno. Nel corso di una generazione il governo prevede la possibilità di piantare fino a 525 miliardi di nuovi alberi. 

LEGGI ANCHE: Altro che disboscamento, in Europa crescono nuovi boschi e foreste

alberi filippine legge

Il provvedimento è stato fortemente voluto per compensare la forte deforestazione vissuta dal paese nel corso dell’ultimo secolo. Negli ultimi cent’anni la superficie di foreste sulle oltre 7000 isole dell’arcipelago è scesa drasticamente dal 70% del territorio fino al solo 20%. Senza la presenza di alberi necessari a stabilizzare il terreno, le Filippine hanno vissuto un profondo dissesto idrogeologico esponendo la popolazione al rischio di inondazioni, frane e smottamenti.

LEGGI ANCHE: Crescita incontrollata dei boschi, a rischio la biodiversità in Italia

filippine legge alberi

Piantare alberi per insegnare i valori dell’ambiente

Nelle intenzioni del governo la nuova legge non solo dovrebbe aiutare a rimboscare le Filippine ma anche, e soprattutto, ad insegnare ai bambini e ai ragazzi il valore della tutela ambientale e del contrasto al cambiamento climatico. In questo modo spiegano le autorità, piantare alberi è solo l’anticamera: «il sistema educativo funzionerà da piattaforma per diramare valori di utilizzo etico e sostenibile delle risorse naturali della nazione, coltivando una cittadinanza consapevole e socialmente responsabile». L’idea è quella di piantare alberi di specie indigene e rispettare l’ecosistema e la topografia locale. Se la legge dovesse veramente entrare in vigore, il procedimento sarà assistito da agenzie governative e da organizzazioni di volontariato.

REDAZIONE
Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.