AmbienteEcologia

Vacanze sostenibili negli ecovillaggi

Sperimentare vacanze sostenibili negli ecovillaggi all’insegna del relax, del cibo locale e di uno stile di vita ecologico e comunitario

Saranno felici gli amanti della natura e le persone che desiderano mettersi alla prova con scelte improntate sulla sostenibilità anche quando si tratta di vacanze: sempre più ecovillaggi possiedono infatti strutture ricettive al proprio interno e accolgono persone per un week-end o per soggiorni più lunghi.

Rilassarsi, gustare cibo bio e locale, conoscere i principi di ecologia e vita comunitaria: sono questi i motivi più importanti per cui provare un’esperienza del genere.

Vacanze ecovillaggi


  1. Un ambiente rilassante

Gli ecovillaggi sono luoghi perfetti per rilassarsi perché situati in contesti suggestivi immersi nella natura. Sparsi per l’Italia e particolarmente concentrati al Centro, si possono trovare nelle zone di montagna, sia alpine che appenniniche, a poca distanza dal mare o nella quiete di campagna. Contesti ideali, questi, per riposarsi e concedersi una pausa dal ritmo spesso frenetico delle nostre giornate.

  1. Il cibo bio e locale

Gli ecovillaggi propongono pasti semplici basati su prodotti biologici e locali, cucinati dai cuochi residenti. Frutta e verdura provengono di solito da frutteti e orti ispirati ai principi della permacultura, un sistema di progettazione per insediamenti umani ecosostenibili, basati sulla centralità dell’agricoltura e su una grande attenzione al territorio.

Il cibo diventa così un modo per conoscere la realtà in cui si soggiorna e per regalarsi pasti sani in un contesto speciale.

  1. I principi ecologici

Una vacanza in un ecovillaggio significa confrontarsi con i principi ecologici che animano questi luoghi: utilizzo di energie rinnovabili e di materiali da costruzione a basso impatto ambientale, permacultura, auto-produzione.

Questi modelli possono servire da ispirazione per introdurre piccoli cambiamenti al proprio stile di vita una volta rientrati a casa, come il sostegno a piccoli agricoltori locali, magari attraverso gruppi d’acquisto solidale, o l’avvio di un orto domestico, oggi possibile anche sul balcone.

  1. La vita comunitaria

Gli ecovillaggi, differenti tra loro per filosofia e organizzazione, si basano tutti sulla vita comunitaria: sulla condivisione di alcuni spazi, di risorse umane ed economiche. Sperimentare anche solo per pochi giorni queste forme di aggregazione, o comunque osservarle da vicino, è un’esperienza stimolante, da usare come occasione per interrogarsi sul proprio stile di vita o semplicemente da conservare come ricordo di una vacanza alternativa.

Riposo e natura, piatti gustosi e nuovi spunti: ecco perché scegliere vacanze sostenibili negli ecovillaggi. Per scoprire dove sono e quali sono le loro caratteristiche, si può consultare il sito di R.I.V.E., Rete Italiana dei Villaggi Ecologici.

REDAZIONE
Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.