AmbienteLifestyleOrto

Tillandsia: come si cura la pianta dell’aria?

Scopriamo cos’è la Tillandsia e come si cura la pianta dell'aria, che non vive nel terreno ma appesa agli alberi delle foreste tropicali

Una pianta molto decorativa che non cresce nella terra come gli altri vegetali ma vive di aria. Non richiede grandi attenzioni ed è adatta anche ai pollici verdi più inesperti. Scopriamo cos’è la Tillandsia e come si cura la pianta dell’aria.

tillandsia come si cura
Foto: Sarah Bronske @Unsplash

La pianta appesa

Non vivendo nel terreno, la Tillandsia ha pochissime radici e quelle poche presenti le servono per attaccarsi all’albero a cui sceglie di rimanere appesa. Le Tillandsie appartengono alla famiglia delle Bromeliacee che include diverse specie. Le foglie, attraverso le quali si nutrono, così come i fiori, cambiano a seconda della specie e possono essere filiformi, lanceolate, spinose o senza spine.

Tillandsia, come prendersi cura della pianta dell’aria

La Tillandsia, dunque, non trae il nutrimento dalla terra e vive sospesa in aria. L’appellativo di “pianta dell’aria” le è stato assegnato anche per via delle sue proprietà purificatrici. Infatti, filtra l’aria e assorbe gli agenti inquinanti e le radiazioni elettromagnetiche. Poiché in natura la Tillandsia si nutre dell’umidità che trova nelle foreste tropicali in cui vive, è molto importante sapere dove è meglio metterla una volta entrata a decorare le nostre case e come ci si deve prendere cura di questa pianta molto particolare.

Dove posizionare la Tillandsia

Il suo habitat naturale è la foresta tropicale, ma in appartamento dove va posizionata la Tillandsia? Sia che venga coltivata all’interno sia che cresca all’esterno questa pianta ha bisogno di molta luce ma teme l’esposizione diretta ai raggi solari. In inverno e comunque quando il clima è più freddo è consigliabile tenerla in casa, mentre in estate è meglio se la pianta viene posizionata all’esterno in una zona ombreggiata. Se possibile, gradirà molto essere posizionata sul ramo o sul tronco di un’altra pianta, sempre evitando la luce solare diretta. In mancanza di un altro albero a cui appenderla, si potranno utilizzare degli appositi supporti o un qualsiasi tipo di contenitore.

Di quanta acqua ha bisogno?

Essendo una pianta tropicale, è abituata a molta umidità. Durante la stagione fredda va annaffiata con regolarità, ogni tre o quattro giorni, perché il riscaldamento delle nostre case tende a seccarla. In estate bisogna aumentare le annaffiature fino a due volte al giorno. Si annaffia nebulizzando acqua, meglio se di bottiglia o piovana, con un normale spruzzino. E’ anche possibile idratare la Tillandsia  immergendola per 20-30 minuti in un recipiente colmo d’acqua e poi scrollando via delicatamente l’acqua in eccesso. Solo se strettamente necessario, una volta al mese o ogni due mesi si può aggiungere del concime liquido per orchidee all’acqua dello spruzzino.

blank
Interprete e Traduttrice Laureata in Linguistica Inglese, da sempre mi interesso di tematiche ambientali e amo gli animali: da loro ho imparato il rispetto per la natura e per tutti gli esseri viventi.