AttualitàGeopolitica del gusto

Supermercati inglesi senza frutta e verdura per colpa della Brexit

Dopo la brexit i supermercati inglesi potrebbero rimanere senza frutta, verdura e vino, prodotti i cui prezzi, in caso di un no-deal, potrebbero schizzare alle stelle.

Li immaginate i supermercati inglesi senza frutta o verdura fresca, o a secco di bottiglie di vino? Con la Brexit, in uno scenario di no-deal, questa possibilità potrebbe essere tutt’altro che remota. A sollevare la questione sono Michael Gove e Stephen Barclay, due politici conservatori, che hanno preparato una lettera aperta proprio riguardo le conseguenze alimentari di una Brexit senza accordo.

supermercati inglesi brexit

Le conseguenze della Brexit su cibo e bevande

Alcune catene di supermercati inglesi hanno già cominciato a fare scorta di determinati prodotti: non è raro vedere negli ultimi mesi un aumento degli spazi dedicati allo stoccaggio di frutta, verdura e altre tipologie merceologiche. Avere una minor quantità di prodotti a disposizione della grande distribuzione vuol dire, automaticamente, un prezzo più alto.

Da una parte gli esperti sottolineano che i beni più a rischio, nel caso di una Brexit senza accordo, sono i prodotti più freschi, ed è con questa constatazione che si verifica il paradosso: gli alimenti che sarebbero influenzati di più da questa situazione sono quelli che impossibile immagazzinare. Sotto questo punto di vista sono altri i prodotti che riescono ad essere accumulati senza troppe difficoltà: acqua, carta assorbente e cibo in scatole, per esempio, sono disponibili in grandi quantità, senza la possibilità di finire scartati.

Per alcuni negozi e supermercati inglesi l’unica risposta alla Brexit potrebbe essere quella di far arrivare le proprie scorte in aereo, una soluzione che potrebbe garantire rifornimenti repentini ma prodotti più costosi con un impatto maggiore sull’ambiente. Un destino simile potrebbero averlo le bottiglie di vino, il cui prezzo potrebbe aumentare in media di 10 sterline.  

REDAZIONE
Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.