AmbienteAttualità

Ralph Lauren investe nel riciclo delle fibre naturali

Il marchio di abbigliamento sta puntando sul sistema ideato da una startup americana per aumentare il riutilizzo dei capi in cotone naturale usati

Ralph Lauren punta a diventare più sostenibile sul fronte dei materiali usati per i suoi vestiti. Il gigante dell’abbigliamento americano ha investito in una startup che sta sviluppando un processo per riciclare le fibre tessili naturali. Un sistema che, ad esempio, consentirebbe di produrre nuovi capi dal recupero degli scarti del cotone.

Ralph Lauren cotone sostenibile

Ll processo su cui punta Ralph Lauren

Si tratta di Natural Fiber Welding, realtà specializzata nelle scienze dei materiali con sede nell’Illinois (Stati Uniti). Il processo messo a punto è a ciclo chiuso e sfrutta principi chimici ecofriendly. Attraverso “una precisa manipolazione del legami molecolari”, afferma l’azienda, le fibre tessili sono riciclate per la progettazione di nuovi tessuti in cotone dalle alte performance. Il materiale generato si chiama Clarus e, oltre che dal cotone, può essere ottenuto da qualsiasi altra fibra naturale, sia essa riciclata oppure materia prima.


Gli obbiettivi sostenibili dell’azienda

L’obbiettivo di Ralph Lauren è quello di arrivare a un processo sostenibile economicamente per poterlo applicare alla sua produzione. Al momento le corte fibre derivanti dall’attuale processo di riciclo del cotone spesso si rivelano inadatte a essere impiegate nella fabbricazione di nuovi vestiti. Se il sistema ideato da Natural FIber Welding dovesse rivelarsi efficace, il marchio di abbigliamento sarebbe in grado di incrementare il riutilizzo dei capi in cotone usati.

L’azienda per i prossimi anni si pone traguardi ambiziosi sui temi ambientali. Entro il 2025, intende ricavare la totalità del suo cotone da fonti sostenibili. “Questa partnership – ha comunicato Ralph Lauren – ci permetterà di rimpiazzare e ridurre la nostra dipendenza dai tessuti sintetici non biodegradabili, come il poliestere e il nylon, e in parallelo individuare materiali sostenibili e riciclati per la produzione di nuovi prodotti che siano scalabili economicamente”.

L’inizio di un percorso

Ralph Lauren sta muovendo i primi passi per migliorare la sua attività in modo più green. Il Sustainable Cotton Ranking del 2020, classifica che permette ai consumatori di valutare l’impiego di cotone da parte delle aziende, l’ha inserita nella categoria delle realtà all’inizio del loro percorso di trasformazione con 6,3 punti su 100 (in salita dai 2,5 del 2017).  Nonostante sia membro della Better Cotton Initiative, inoltre, il marchio non ha reso pubbliche informazioni sui suoi approvvigionamenti di cotone sostenibile alla pubblicazione della classifica.

REDAZIONE
Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.