AmbienteEcologia

Petrolio e gas vietati della Francia entro il 2040

La Francia mette al bando petrolio e gas entro il 2040. Una mossa altamente simbolica promossa dal governo Macron, che sottolinea il desiderio di un futuro sostenibile per il paese.


Il parlamento francese ha approvato una legge che vieterà completamente la produzione di petrolio e gas su tutti i territori del paese, continentali e non, entro il 2040. La legge non consentirà più alcuna forma di ricerca e estrazione della materia prima, promuovendo uno sforzo comune per il rallentamento del cambiamento climatico in atto.

Bando petrolio e gas Francia dal 2040 Emmanuel Macron
Foto: Ansa

Il desiderio di un futuro sostenibile

Il valore della legge è prettamente simbolico: la Francia infatti ha estratto dai suoi territori, nel 2016, circa 16.000 barili al giorno, una cifra irrisoria se comparata ai grandi produttori come l’Arabia Saudita. Senza contare che la produzione interna soddisfa solo l’1% della domanda totale del paese. Il ministro per l’ambiente Nicolas Hulot, presentando a settembre la bozza della legge, aveva dichiarato la sua speranza che questa scelta potesse essere d’ispirazione per gli altri paesi, innescando una virtuosa reazione a catena.

Petrolio e gas vietati della Francia entro il 2040

Sotto l’amministrazione Macron la Francia si sta muovendo con decisione verso un approvigionamento energetico che si basi su fonti sostenibili. Degna di nota anche la proposta presentata a luglio per il bando di tutte le automobili diesel sempre entro il 2040. La Francia, e il vecchio continente in generale, stanno mostrando un’attenzione e una sensibilità alla tematica ambientale decisamente più incoraggiante rispetto alle politiche ambientali promosse oltreoceano. Speriamo che queste prese di posizione europee abbiano una risonanza globale verso un futuro più verde.

Fonti: huffingtonpost – theguardian – independent

blank
Chitarrista, motociclista, da sempre appassionato di scienza, tecnica e natura. Sono laureato in Psicologia del Lavoro e della Comunicazione. Curioso per natura amo i viaggi, il buon vino e scoprire cose nuove. Da qualche anno nel settore del marketing digitale e della comunicazione.