AmbienteEcologiaHot Topic

Perché gli incendi in Siberia sono un grave pericolo per il clima

Gli incendi in Siberia continuano a dilagare e nonostante l’intervento dell’uomo nella lotta alle fiamme la situazione è degenerata in un disastro ecologico e in un grave pericolo per il clima.

A partire da luglio di quest’anno gli incendi in Siberia stanno divorando ettari di taiga, la foresta boreale tipica delle aree sub-artiche. I roghi, originati nelle regioni di Krasnoyarsk Krai, Sakha Republic e Zabaykalsky Krai, oggi sono arrivati a divorare un’area delle dimensioni del Belgio. Si tratta di un evento catastrofico che, oltre ad aver raso al suono diversi villaggi della zona, costituisce un grave pericolo per il clima a causa delle emissioni degli incendi nell’atmosfera.

incendi Siberia clima
Foto di Roscosmos Space Agency via AP

Gli incendi in Siberia sono un’emergenza climatica

All’origine degli incendi in Siberia diversi fattori, tra cui proprio quello stesso clima che oggi è in pericolo a causa della grande quantità di polveri e CO2 emessa dai righi. L’estate quest’anno era risultata particolarmente secca e calda per quella zona. Ciò combinato all’azione di forti venti ha completato uno scenario catastrofico. Sul possibile innesco la situazione non è ancora molto chiara, dato c’è chi sostiene possa essere stato causato da tempeste di fulmini abbattutesi sulla foresta; ma anche i pubblici ministeri russi che attribuiscono l’inizio delle fiamme a dei boscaioli illegali i quali avrebbero appiccato il fuoco per eliminare le tracce della loro attività.

incendi Siberia emergenza climatica

LEGGI ANCHE: Mancano 1,5°C alla fine del mondo: il riscaldamento globale non si ferma

La portata delle conseguenze è titanica: basti considerare che l’estensione di foresta distrutta dagli incendi in Siberia è paragonabile alla dimensione del Belgio e che i fumi dei roghi hanno già raggiunto Canada e Stati Uniti. Il problema principale, oltre alla devastazione che le fiamme lasceranno nell’area, riguarderà le emissioni di polveri e anidride carbonica nell’atmosfera. Rispetto a quest’ultima, la quantità stimata supera i 166 milioni di tonnellate, l’equivalente delle emissioni di 36 milioni di automobili in un anno. Pericoloso anche l’effetto delle polveri di carbone che trasportate dal vento andranno a posarsi sul vicino ghiaccio artico, velocizzandone lo scioglimento.Gli incendi in Siberia sono tanto estesi da poter essere visti dallo spazio e potrebbero seriamente mettere a rischio la risoluzione internazionale per contenere il riscaldamento climatico al di sotto di 1,5 °C. Quello che emerge da questo tragico avvenimento è l’abisso in cui l’uomo sta cadendo per sua stessa responsabilità: le insolite caratteristiche climatiche creano condizioni perfette per lo scatenarsi di eventi capaci di peggiorare ulteriormente la situazione a livello sistemico.

In una spirale senza fondo in cui stiamo trascinando il pianeta. La speranza è che l’ingente dispiegamento di forze messo in campo per far fronte all’emergenza e le linee tagliafuoco create con in bulldozer riescano a salvare il salvabile e che questa catastrofe sia da monito a tutti nella direzione di un’azione più decisiva e corale per la riduzione del riscaldamento globale.

blank

Chitarrista, motociclista, da sempre appassionato di scienza, tecnica e natura. Sono laureato in Psicologia del Lavoro e della Comunicazione. Curioso per natura amo i viaggi, il buon vino e scoprire cose nuove. Da qualche anno nel settore del marketing digitale e della comunicazione.