AttualitàLifestyleScienza

Packaging commestibile: luci e ombre di una quasi rivoluzione

Secondo qualcuno sarà la prossima frontiera alimentare, l’asso nella manica che potranno usare i colossi dell’industria food per abbattere il consumo di plastica.

Indubbiamente un terreno nuovo da esplorare, quello del packaging commestibile, una delle alternative più promettenti tra gli avversari della plastica nella filiera dei prodotti alimentari. Lo sforzo è unanime e distribuito sugli ambiti più disparati, dalla biologia al design passando per l’ingegneria dei materiali. Eppure rimangono alcune questioni scottanti da risolvere, perché, forse, non è oro tutto quel che luccica.

Packaging commestibile, membrane

Pellicole e membrane da mangiare

Sicuramente una delle realtà più prolifiche in questo campo è Wikifood, azienda statunitense il cui prodotto di punta si chiama WikiCells. Si tratterebbe di pellicole o membrane, assemblate con cellule di cibo e una serie di polimeri, molecole complesse ma biodegradabili. David Edwards, ricatore alla Harvard e mente dietro a questa idea, punta a ricoprirci piccole porzioni di cibo, possibilmente azzeccando l’accostamento tra packaging e prodotto da proteggere.

Posate commestibili

L’idea è quella di di mimare la buccia di un frutto, tanto che l’azienda sta sperimentando con il succo d’arancia, così da mettere a punto una pellicola di consistenza e texture simile alla buccia dell’agrume. Sulla stessa linea sono state immaginate membrane a base di cacao per contenere della cioccolata. Sulla stessa linea si trova l’acqua Ooho, di cui vi abbiamo già raccontato in questo articolo.

La domanda più scontata e difficile

Esistono centinaia di prodotti nati con questa filosofia, dalle posate che si mangiano una volta finito il pranzo, ai piatti fatti con gli scarti della lavorazione della farina, ne parliamo meglio qui. Eppure tutte queste nuove realtà si sono dovute scontrare, ad un certo punto, con una domanda tanto semplice quanto disarmante: se lo scopo del packaging è proteggere il prodotto al suo interno da germi e contatti non voluti, perché dovremmo mangiarcelo?

La domanda più scontata e difficile

È molto probabile che attorno alla membrana o pellicola da mangiare debba essere messo un involucro protettivo, ma a questo punto il vantaggio non dovrebbe annullarsi? La questione è particolarmente cara per gli enti di controllo alimentare, che dovranno sicuramente studiare una normativa che regoli questo tipo di prodotti. E anche se venisse superata questa questione rimane la possibile avversione dei consumatori a divorare i contenitori in cui normalmente trovano i loro alimenti preferiti. Voi, dopo aver mangiato una buona tazza di cereali, mangereste anche la loro scatola?

Fonti: theguardian.com – altitudeinc.com – ediblesbyjack.com

TOPIC Packaging
Matteo Buonanno Seves
Un giovane laureato in Scienze Gastronomiche con la passione per il giornalismo e il mai noioso mondo del cibo, perennemente impegnato nel tentativo di schivare le solite ricette e recensioni in favore di qualcosa di più originale.