AmbienteAttualitàSalute

Ondate di calore killer: allarme e piani anche dal Regno Unito

Le ondate di calore killer stanno spaventando il mondo. Molte persone sono a rischio e persino il mite Regno Unito si prepara ad affrontare l’emergenza.

Le ondate di calore killer stanno diventando sempre più frequenti. Esse pongono seri pericoli per la salute umana e l’allarme è ovunque altissimo. Il Regno Unito, nonostante il clima abitualmente fresco, non si è dimostrato immune e il governo si sta preparando a rispondere all’emergenza. Molti non ritengono, però, le manovre sufficienti e la preoccupazione è un sentimento diffuso.

ondate di calore killer

Ondate di calore killer:

Le ondate di calore sono periodi di almeno 3 giorni in cui le temperature eccedono le massime medie. Esse possono protrarsi per diverse settimane e sono spesso accompagnate da alti tassi di umidità. A renderle pericolose è proprio questa variabile. L’uomo non può, infatti, sopportare temperature di bulbo umido, la temperatura più bassa che si ottiene per evaporazione di acqua nell’aria, superiori a 35 °C. Il calore eccessivo provoca un surriscaldamento dei vasi sanguigni. Il corpo cerca di raffreddarsi con la sudorazione, ma, quando l’umidità è alta, il sudore non può evaporare. Il cuore inizia allora a pompare sangue verso l’esterno, la temperatura interna si alza e lo stress per il sistema cardiocircolatorio è enorme.

Il caso del Regno Unito:

Nel Regno Unito le ondate di calore killer stanno seminando panico. Il Public Health England ha calcolato, infatti, che le morti da esse causate tra giugno e agosto 2020, sono state 2.556. La stima è stata ottenuta confrontando il numero di morti dei giorni torridi e quello dei 7 giorni precedenti e successivi. Si tratta purtroppo del numero più alto mai rilevato in 17 anni di misurazioni e i numeri sembrano destinati a triplicare entro il 2050. Il Met Office ha dunque deciso di puntare sulla comunicazione precoce e ha messo a punto un sistema di allarmi per colori che permettano ai cittadini di reagire tempestivamente.

L’allarme per il futuro:

Le ondate di calore killer continuano purtroppo a far paura. Molti nel Regno Unito affermano, infatti, che i sistemi di allarme non rappresentano una strategia adeguata. Le fasce più vulnerabili della popolazione, anziani, lavoratori delle zone rurali e senza tetto, rimangono, infatti, esposti ai rischi. Le ondate di calore hanno poi la terribile capacità di uccidere in silenzio. Risultano meno appariscenti di altri fenomeni meteo estremi e il loro impatto viene colto solo a posteriori, grazie alle statistiche. Il cambiamento climatico sembra ora destinato a peggiorare la situazione e la mortalità indiretta, legata a colture danneggiate o incendi, non farà che aggravare il bilancio.

Le ondate di calore killer rappresentano un’emergenza. L’uomo ha alterato gli equilibri naturali e intervenire perché il punto di non ritorno non venga raggiunto è d’obbligo. Ciò che sta accadendo in Canada ci sta purtroppo dimostrando che “morire di caldo” è ben più di un’espressione retorica. Certi scenari apocalittici, visti per ora solo nei film, nei giorni torridi fanno di certo un po’ più paura.

blank
Laureata in Filosofia, credo fermamente che ogni sfaccettatura del sapere umano meriti di essere inseguita. Amo la lettura, gli animali e la natura e penso che solo continuando a farsi domande sia possibile mantenere uno sguardo vigile sul mondo.