AmbienteEcologia

Ondata di caldo in Europa: nel resto del mondo è ancora peggio!

L’Europa è sconvolta da un’ondata di caldo, ma nel resto del mondo, sud dell’Asia in primis, la situazione è ancora peggiore, con prospettive molto preoccupanti per miliardi di esseri umani.

Con la recente ondata di caldo in Europa, anomala rispetto alle medie stagionali, si è parlato molto dei pericoli del caldo, nonostante in realtà nel resto del mondo rischia di stare peggio. Tom Matthews ha pubblicato su Nature uno studio intitolato «An emerging tropical cyclone–deadly heat compound hazard», che mette nero su bianco i pericoli che il cambiamento climatico sta scatenando nel sud dell’Asia.

Ondata di caldo in Europa

Il caldo può uccidere

In Europa si sono già verificate situazioni estremamente drammatiche, è il caso dell’estate del 2003, dove per il caldo si calcola morirono 70.000 persone, mentre nel 2010, nella Russia occidentale, se ne registrarono 50.000. Se questi numeri possono sembrare impressionanti, nel resto del mondo gli scenari rischiano di essere ancora peggiori, ma rimane una domanda: come fa esattamente il caldo ad uccidere?

Lo ha spiegato Tom Matthews: gli esseri umani hanno un sistema molto efficiente per mantenere stabile la propria temperatura, ma anche noi abbiamo dei limiti, oltre i quali il nostro organismo collassa. La sudorazione è il componente principale di questo sistema: le gocce d’acqua evaporano sulla pelle, facendo abbassare la temperatura corporea. Quando però la temperatura esterna è troppo elevata e l’umidità impedisce al sudore di evaporare, il nostro corpo non può più fare nulla.

Ad oggi, fortunatamente, questa particolare condizione non si registra spesso, ma i casi stanno aumentando, soprattutto nel sud-est asiatico, e molti modelli climatici prevedono che andrà sempre peggio. Tom Matthews sottolinea che, a differenza dell’Europa, i paesi in via di sviluppo potrebbero non avere gli strumenti giusti per poter resistere alle ondate di caldo sempre più violente. Insomma, il cambiamento climatico sta già cominciando a mietere le sue prime vittime.

REDAZIONE
Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.