CulturaFood

Ode al gelato gusto Puffo

Impossibile non ricordarselo, con quell’inconfondibile colore celeste e un sapore semplicemente indefinibile, faceva impazzire i bimbi alla fine degli anni ‘80.

La leggenda narra che ciascuna gelateria avesse la sua versione collaudata del mitico gusto puffo, uno di quei gusti così sottovalutati e denigrati che fu, almeno secondo qualcuno, apripista per le sperimentazioni più ardite nel campo di questo dessert freddo. E se doveste ringraziare il gusto puffo per tutti gli esperimenti gastronomici legati al gelato?

Gelato gusto puffo

Gusto puffo: il segreto è nel colore, forse.

I puffi sbarcano in Italia nel 1981 e quasi immediatamente molti gelatai hanno la brillante idea di prendere ispirazione dal colore dei piccoli personaggi animati e farci un gelato. Così nei primi anni ‘80 entra in scena l’iconico gusto puffo, una vaschetta di gelato azzurro/celeste dalle proprietà magnetiche per gli occhi dei più piccoli.

Gusto puffo: il segreto è nel colore, forse.

Molto più difficile invece capire cosa cavolo ci fosse in questo gelato dal dubbio colore, un mistero rimasto tale perché ciascuna gelateria bene o male aveva la propria ricetta di base: chi partiva dal fior di latte e chi dalla vaniglia, il sapore non era in alcun modo legato al colore del gelato. Allo stesso tempo però buona parte dell’esperienza del gusto puffo passava per l’alone stranamente celeste che lasciava sulla lingua, dovuto ai coloranti impiegati, spesso artificiali come l’E132 o l’E133, mentre altre volte era aggiunto del più naturale Curaçao.

La spettacolarizzazione del gelato

In ogni caso quello che rese il gusto puffo una vera pietra miliare nel mondo dei gelati fu il concetto che cercava di trasmettere: mentre gusti il gelato al puffo non stai assaggiando un dolce ma assaporando un concetto, un’idea, un personaggio dei cartoni animati.

La spettacolarizzazione del gelato

Per qualcuno questo è stato il primo passo decisamente ante-litteram di quella che oggi conosciamo come la spettacolarizzazione del gelato, quel trend che sta spopolando in ogni città italiana e che vede le gelaterie impegnate nel rincorrere i gusti più raffinati e gli accostamenti più arditi. In parole povere, se potete meditare su una coppetta di variegato pere e formaggio o caramello e tabacco probabilmente dovete ringraziare anche i pionieri del gusto puffo.

Fonti: lettera43.it – geishagourmet.com – avocadosandales.com

REDAZIONE

Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.