AttualitàLifestyle

Nomi di bambini ispirati al cibo, esplode un nuovo trend

Dare ai bambini dei nomi ispirati al cibo pare una follia ma si sta trasformando in un fenomeno tutt’altro che trascurabile. Dalla frutta alle spezie non manca proprio nulla!

Le star stanno iniziando a dare ai bambini dei nomi ispirati al cibo, ed è subito trend! Se attingere dal mondo dei fiori non basta più perché non lanciarsi su: frutta, spezie e cereali? Se ci si trova a brancolare nel buio mentre il pargolo sta arrivando, nessun problema! Uno sguardo rapido in cucina e la soluzione è a portata di mano (o al limite in frigo).


Nomi di bambini ispirati al cibo esplode un nuovo trend frutta

I nomi di domani

Non di rado capita, che riferendosi a bambini piccoli, si senta dire dalla robusta zia: «sei tanto carino che ti mangerei!» e con questo nuovo trend dei nomi l’equivoco è davvero dietro l’angolo! A parte gli scherzi, pare proprio che l’ultima tendenza veda una grande diffusione di nomi ispirati al mondo gastronomico. Ad aprire la strada, nel 2004, la scelta di Gwyneth Paltrow e Chris Martin che hanno chiamato la loro bambina Apple (mela). Ma non è certo un caso a sé stante, altri esempi sono la figlia di Drew Barrymore di nome Olive (oliva), oppure due dei figli di Jamie Oliver chiamati rispettivamente Poppy Honey (miele) Rosie e River Rocket (rucola).

Nomi di bambini ispirati al cibo esplode un nuovo trend

Sarà il dilagante amore per il cibo e la cucina degli ultimi anni, o l’incontenibile desiderio di distinguersi, ma la moda dei nomi dei cibi affibbiati ai bambini si sta diffondendo. Lo sostiene Babycentre, un importante portale inglese che tratta di maternità e bambini, che ha stilato una lista dei principali nomi food-inspired. Tra questi si trovano: Saffron (zafferano), Peaches (pesche), Apricot (albicocca) e Rosemary (rosmarino) per le bambine; e Basil (basilico), Rye (segale) e Kale (cavolo) per i bambini. Pare non esserci un limite pur di risultare originali, con scelte che sfiorano la stramberia, con il risultato che negli asili di domani sembrerà di stare al mercato!

Fonti: Indipendent

blank
Chitarrista, motociclista, da sempre appassionato di scienza, tecnica e natura. Sono laureato in Psicologia del Lavoro e della Comunicazione. Curioso per natura amo i viaggi, il buon vino e scoprire cose nuove. Da qualche anno nel settore del marketing digitale e della comunicazione.