AttualitàEcologiaHot Topic

Nestlé utilizzerà un satellite per impedire la deforestazione

La multinazionale Nestlé sarà la prima azienda globale ad utilizzare un satellite per controllare le sue piantagioni e impedire eventuali fenomeni di deforestazione.

La Nestlé utilizzerà un servizio conosciuto come Starling per controllare e impedire fenomeni legati alla deforestazione nelle piantagioni che controlla, tutto grazie ad una rete di satelliti. Il progetto è stato messo a punto assieme a Airbus e The Forest Trust, con l’obiettivo di dimostrare che in tutta la sua filiera le foreste sono rispettate. È la prima volta che un’azienda globale utilizza una tecnologia satellitare a questo scopo.

Nestlé satelliti deforestazione

Un satellite contro la deforestazione

L’idea dietro a Starling si basa sull’impiego di una costellazione di satelliti di Airbus per monitorare con un grado di precisione mai visto prima i cambiamenti in atto nelle foreste del globo. Nestlé è stata tra la prima azienda del suo calibro a rivolgersi a questo servizio per dimostrare il suo impegno contro la deforestazione, a favore di un rapporto con l’ambiente più sostenibile.

satellite contro deforestazione

Il focus sarà in particolare sull’olio di palma, ma grazie a questa tecnologia sarà possibile monitorare l’intero approvvigionamento della multinazionale, in tutto il globo. A fare da ulteriore garanzia ci sarà l’impegno di The Forest Trust, con cui la collaborazione è iniziata nel 2016. Nei prossimi anni l’occhio dei satelliti sarà puntato anche su altre piantagioni: la soia sarà un’altra risorsa da controllare, così come gli appezzamenti dedicati alla pasta di legno e di carta.

REDAZIONE

Raccontare e spiegare cibo, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari riguardo il complicato mondo dell’alimentazione.