Itinerari

Mete vacanze sostenibili in Europa, quali sono le migliori del 2022

La classifica delle migliori mete per vacanze sostenibili del 2022 offre buoni spunti interessanti a chi desidera una destinazione green.

State organizzando le ferie e siete alla ricerca di una destinazione che punta soprattutto sul turismo green? Allora potreste trovare la vostra location ideale nella classifica delle migliori mete per le vacanze sostenibili “Best Sustainable Destinations in Europe 2022”, stilata dal sito di promozione turistica European Best Destination. Sono luoghi premiati dalla Commissione europea per il loro impegno nella protezione dell’ambiente, nella valorizzazione del patrimonio locale e nello sviluppo di attività che rispettino sia le persone, che la natura. Tra le destinazioni nella graduatoria, c’è anche un po’ d’Italia.

Mete vacanze sostenibili in Europa, quali sono le migliori del 2022
Foto: Matteo Bellia @Unsplash

Lathi (Finlandia)

Al primo posto della classifica delle migliori mete per le vacanze sostenibili in Europa del 2022, c’è la città di Lathi. Inclusa anche nella classifica delle migliori destinazioni europee per lo sport all’aperto e considerata una delle migliori “Capitali verdi”, è la porta d’accesso alla regione dei laghi finlandese, la più grande del Vecchio Continente: né conta oltre 188mila e la qualità delle loro acque è la più alta del mondo.

Monte Isola (Italia)

Al secondo posto ecco l’Italia, con Monte Isola, in provincia di Brescia. Questa piccola montagna verde al centro del lago di Iseo è stata premiata, tra le altre cose, per il suo suggestivo paesaggio, esplorabile grazie a sentieri da percorrere a piedi o a cavallo, percorsi che si arrampicano fino alla vetta dell’isola. Qui, si trova il Santuario della Madonna della Ceriola, punto panoramico mozzafiato. L’isola conta 11 villaggi e 1.800 abitanti. Le auto sono bandite e ci si muove solo in moto (ma per i turisti ci sono mini bus turistici e noleggi biciclette).

Cavtat (Croazia)

Nella classifica delle migliori mete per le vacanze sostenibili in Europa del 2022 c’è anche Cavtat, pittoresca cittadina marittima vicino a Dubrovnik. Situata nella regione di Konavle, nota anche come la Toscana croata, è un posto ideale per chi vuole ricaricare le batterie, godendosi scenari pazzeschi, buon cibo e vino. Per il suo lungomare puntellato di palme ricorda un po’ Saint Tropez.

Mostviertel. Foto: Benjamin Scheidl @Unsplash

Mostviertel (Austria)

La regione di Mostviertel è considerata una delle Migliori Gemme Nascoste dell’Austria, secondo il sito European Best Destinations. Vale la pena visitarla per ammirare il centro medievale perfettamente conservato della cittadina di Waidhofen an der Ybbs e perché è la porta d’accesso alla regione alpina di Eisenwurzen, dove si trova il monte Erzberg, sede di una storica miniera di ferro sfruttata sin dal Medioevo.

Durbuy (Belgio)

Scorrendo la classifica delle migliori mete per le vacanze sostenibili in Europa del 2022 si trova anche Durbuy, suggestiva cittadina medievale alle porte della regione delle Ardenne. È conosciuta anche come “la più piccola città del mondo”. Oltre a perdersi nel labirinto di strade acciottolate, il consiglio è quello di esplorare anche i sentieri nei dintorni. Il territorio comunale è composto da 41 villaggi e frazioni ed è coperto per tre quarti da foreste e prati.

Sheep’s Head (Irlanda)

Sheep’s Head è uno dei promontori che si allungano verso l’oceano Atlantico nell’estremo sud-ovest dell’Irlanda. La sua costa è percorsa da uno dei più amati sentieri d’Europa: il Sheep’s Head Way. Il percorso per camminatori di 88 km, vincitore anche di un premio, consente di ammirare paesaggi mozzafiato e di scoprire molti siti di interesse turistico del patrimonio culturale irlandese.

Sheep's Head, Irlanda
Sheep's Head. Foto: Eliane Zimmermann @Unsplash

Soomaa (Estonia)

Altra meta sostenibile in Europa è il Parco nazionale di Sooma, una regione ricca di paludi e acquitrini nella contea di Pärnu e Viljandi. Da non perdere ci sono la misteriosa grotta di Tori Hell e il percorso Riisa Study Trail. Per gli amanti degli animali esiste un percorso dedicato al castoro, simbolo del parco, il Beaver Trail. Per i più sportivi, Soomaa offre uscite in canoa e con le ciaspole.

Delta dell’Ebro (Spagna)

Il Parco naturale del delta del fiume Ebro, situato tra Barcellona e Valencia, conserva un patrimonio di flora e fauna inestimabile. È il più ampio habitat acquatico spagnolo (320 km quadri) e una delle più importante zone umide del Mediterraneo. Qui trovano casa o ristoro tantissime specie d’uccello, come il raro gabbiano corso e il fenicottero rosa. Location ideale per gli amanti del birdwatching.

Nin (Croatia)

Considerata una delle più antiche cittadine del Mediterraneo con i suoi oltre 3mila anni di storia, Nin è una località che conserva le tracce di tutte le civiltà che l’hanno dominata, aspetto che la rende un museo a cielo aperto. Si trova su una pittoresca “isoletta” a forma di cuore (in realtà è collegata alla terraferma) in una laguna dalle acque basse. Oltre a monumenti e siti storici, offre paesaggi naturali da non perdere.

Bohinj (Slovenia)

Infine, troviamo Bohinj, verde comune nel nord della Slovenia, nonché valle incantevole, nell’abbraccio delle Alpi Giulie. Nel cuore del Parco nazionale del Triglav, uno dei parchi nazionali più antichi d’ Europa, ospita l’omonimo lago naturale, uno specchio d’acqua cristallino sopra il quale si ergono malghe incontaminate e le vette alpine.

blank
Giornalista, ex studente della Scuola di Giornalismo Walter Tobagi. Osservatore attento (e preoccupato) delle questioni ambientali e cacciatore curioso di innovazioni che puntano a risolverle o attenuarne l'impatto. Seguo soprattutto i temi legati all'economia circolare, alla mobilità green, al turismo sostenibile e al mondo food