CulturaProtagonistiStoria

Maccarone, m’hai provocato e io ti distruggo.

In occasione del compleanno di Alberto Sordi, oggi avrebbe compiuto 100 anni, abbiamo pensato di omaggiare l'indiscusso attore e artista italiano con una delle più famose sue citazioni.

Alberto Sordi ha sempre rappresentato la vita utilizzando metafore e semplici esempi reali che sono diventati icone della nostra storia e cultura. Nella sua lunga filmografia spesso lo abbiamo incontrato di fronte al cibo. Il cibo come simbolo sociale, educazione, cultura e perchè no strumento di satira.

alberto sordi maccarone
«Maccarone m'hai provocato e io ti distruggo adesso, io me te magno! Questo 'o damo ar gatto! Questo ar sorcio, co' questo ce ammazzamo 'e cimice.(in romanesco per "le cimici")» (Nando Moriconi in Un americano a Roma (1954))

Tra tutte le scene che vedevano Alberto Sordi alle prese con la cucina o con il cibo sicuramente la più famosa, o una delle più famose è sicuramente quella nella quale l’attore si confronta e parla con un piatto di spaghetti. Alberto Sordi è in fra i più importanti attori del cinema italiano con all’attivo circa 200 film, ed è considerano, senza ombra di dubbio, considerato uno dei più grandi interpreti della commedia all’italiana.

La scena iconica di Alberto Sordi che mangia un piatto di spaghetti è tratta dal film Un americano a Roma.

Alberto Sordi, in questo caso diretto da Steno, è Nando Mericoni un giovane che sogna gli Stati Uniti e cerca di comportarsi come un americano. Tutta la pellicola gira intorno all’iconografica statunitense dell’epoca, una parodia continua di stereotipi, frase fatte che in satira raccontavano il costume dell’Italia del dopoguerra alla rincorsa del mito esterofilo dell’America.


Alberto Sordi rientra a casa e trova la tavola pronta con la sua cena. «Maccaroni? Questa è roba da carrettieri, io non mangio maccaroni. Vino rosso? Io non bevo vino rosso. Lo sapete che sono americano, gli americani non mangiano maccheroni, non bevono vino rosso. Bevono latte, per questo vincono gli apache. Maccarone, che mi guardi con quella faccia intrepida, mi sembri un verme, maccarone. Questa è roba da americani: yogurt, marmellata, mostarda… roba sana sostanziosa». Continua poi con la frase che è diventata storia: «Ammazza che zozzeria! Gli americani aho… Maccherone, mi hai provocato e io ti distruggo, adesso maccherone, io me te magno».

REDAZIONE
Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.