AnimaliAnimali selvatici

Le 5 curiosità che non sapevate sulle giraffe

Oltre ad essere l’animale terrestre più alto ci sono diverse curiosità legate a questo animale. Vi siete mai chiesti che verso fa una giraffa?

Cade oggi, 21 giugno 2017, la quarta Giornata mondiale della giraffa. In occasione di questa ricorrenza, il Giraffe Conservation Fund ha rammentato come negli ultimi 30 anni la presenza di questi animali in Africa sia diminuita di quasi il 40%. Un dato certamente allarmante, che ci spinge a riflettere e a ricordare questo buffo e simpatico animale, inserito tra le specie vulnerabili al rischio estinzione dall’Unione internazionale per la conservazione della natura (Iucn). Grazie alla la sua particolare fisionomia, che le è valsa il titolo di animale terrestre più alto, la giraffa è riuscita ad attirare su di sé la nostra simpatia, ma non è solo l’altezza a caratterizzare questo animale. Ecco dunque le 5 curiosità che non sapevate sulle giraffe.

Le 5 curiosità che non sapevate sulle giraffe

1. La prima giraffa in Europa: il cameleopardo

La prima giraffa a «sbarcare» in Europa fu portata per volere di Giulio Cesare a Roma nel 46 a.C. per celebrare i suoi trionfi in Egitto. Non conoscendo l’animale, i Romani lo chiamarono cameleopardo, ricollegando le caratteristiche fisiche di cammello e leopardo. A tutt’oggi il nome scientifico della giraffa è Giraffa camelopardalis.

2. La giraffa di Lorenzo il Magnifico

Per rimanere in tema storico, celebre fu la giraffa dei Medici. Un esemplare donato a Lorenzo il Magnifico dall’ambasciatore del sultano d’Egitto nel 1487. L’apparizione per le vie di Firenze fece molto scalpore tra la folla e pare che l’animale venne ingraziato con del cibo, offerto direttamente delle finestre dei secondi piani delle case.

La giraffa di Lorenzo il Magnifico

3. Il necking, un duello «collo contro collo»

Per definire la gerarchia sociale, i maschi di un gruppo di giraffe si cimentano nel cosiddetto necking, una sorta di duello «collo contro collo» per la conquista delle femmine. Talvolta fatale, questo comportamento consiste nell’arrecare all’esemplare rivale dei veri e propri colpi di collo. In tal senso la lunghezza e la mole del collo sono gli elementi che possono far avere la meglio ed è stato ipotizzato che la lunghezza del collo delle giraffe sia proprio uno dei fattori che stanno alla base della loro selezione sessuale.

4. Che verso fanno le giraffe?

Che verso fanno le giraffe? Le giraffe sono considerate tendenzialmente silenziose, ma non sono mute. Degli scienziati dell’Università di Vienna hanno condotto uno studio dove è stato dimostrato che le giraffe emettono dei richiami, alla frequenza di 92 Hz, quindi appena percettibili all’orecchio umano. Una «chicca» per i puristi della lingua italiana: che nome ha il loro verso? La giraffa landisce.

Che verso fanno le giraffe?

5. Le giraffe dormono in piedi

Le giraffe dormono in piedi, o meglio, solitamente lo fanno. Seppur sia possibile vedere delle giraffe sdraiate al suolo per brevi sessioni di sonno da circa 5 minuti l’una. Per questo animale rimettersi in piedi è un’operazione complessa, che lo rende soggetto a possibili attacchi da parte dei predatori. Per cui la soluzione sta nel dormire in piedi, sempre per brevi periodi e per un totale di massino 30 minuti al giorno nel loro habitat naturale; soglia che si alza fino a 4-5 ore per le giraffe in cattività.

Fonti: ilmattino.it – gizzeta.it – focus.it – ansa.it – wikipedia.org

TOPIC giraffe
blank

Laureato in Lettere ad indirizzo giornalistico e copywriter di professione, ha abbandonato la penna in favore di forchetta e tastiera. Buongustaio, amante della natura e dei sapori, vuole dire la sua nel mondo del food.