AttualitàLifestyle

La Torre Eiffel diventerà un parco giardino

Per i giochi olimpici del 2024 Parigi vuole trasformare l’area della Torre Eiffel in un parco ricoperto di giardini. Aiuterà anche rinfrescare la città d’estate.

La Torre Eiffel diventerà un parco popolato di alberi e giardini, il progetto rivoluzionerà l’area attorno al monumento rimuovendo interamente le autovetture e trasformandolo in spazio pedonale. Una prima parte del progetto dovrebbe essere ultimata in tempo per le olimpiadi del 2024 mentre l’intera area verrebbe interamente trasformata entro il 2030.

LEGGI ANCHE: Due ore in mezzo alla natura bastano per migliorare la salute

torre eiffel parco giardino

La Torre Eiffel come un parco giardino

Immaginate chilometri di passeggiate all’ombra degli alberi e su freschi prati costellati di fiori. La Torre Eiffel nel giro di pochi anni potrebbe dire interamente addio alle auto. L’area sarà un parco giardino dove «potremo sentire gli uccellini cantare» è l’idea del sindaco Anne Hidalgo che lo scorso maggio ha lanciato la proposta.  Non solo parchi e giardini ma anche fontane, corsi d’acqua e spazi relax. L’idea è quella di trasformare l’area attorno al monumento in un vero e proprio polmone verde simile a quanto avviene a New York con Central Park.

LEGGI ANCHE: E se il nuovo tetto di Notre Dame fosse un giardino?

torre eiffel traffico

Il progetto costerà 72 milioni di euro e sarà realizzato in due  tempi dall’azienda londinese Gustafson Porter + Bowman. Nei piani anche il vicino Pont d’Iéna sarà trasformato in prato sospeso sopra la Senna in una via d’accesso verde alla Torre Eiffel. Funzionerà da collegamento per i nuovi spazi verdi e giardini che costelleranno entrambe le sponde del fiume. La maggiore superficie verde dovrebbe contribuire anche a mantenere l’area più fresca durante il periodo estivo.

Addio auto: attorno alla Torre Eiffel il verde

La Torre Eiffel accoglie qualcosa come 7 milioni di visitatori ogni anno ma lo spettacolo di uno dei monumenti più caratteristici al mondo è spesso rovinato dal caos del traffico veicolare. Parigi tuttavia è la città che porta il nome degli accordi sul clima per contrastare il cambiamento climatico e l’amministrazione in carica è convinta che un cambio di passo sia necessario per la capitale francese. Quello della Torre Eiffel è infatti soltanto uno dei piani di ristrutturazione viabilistica di Parigi che vedrà in futuro sempre più spazi dedicati a biciclette e pedoni, restringendo il traffico delle vetture.

LEGGI ANCHE: A New York i tetti saranno un giardino, per legge

parco torre eiffel

Sul progetto non sono mancate le critiche delle associazioni di automobilisti francesi, preoccupati dall’idea che la capitale economica di Francia possa venire relegata a città-museo. Per i critici infatti i provvedimenti contribuirebbero soltanto a spostare l’inquinamento nelle zone periferiche invece che risolvere il problema alla radice.

REDAZIONE
Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.