AttualitàGeopolitica del gusto

La guerra delle capesante è scoppiata tra inglesi e francesi

Con pietre e fumogeni si combatte la guerra delle capesante, uno scontro tra inglesi e francesi che si sta consumando nella Manica per la pesca dei molluschi.

L’hanno chiamata «guerra delle capesante», uno scontro tra pescatori francesi e inglesi sulla pesca di questi molluschi che sta infiammando la Manica a colpi di fumogeni e pietre. Tutto per colpa delle diverse regole di pesca di Francia e Inghilterra, una situazione che si consuma sui territori di raccolta considerati comuni – ma oltre 12 miglia fuori dalle acque nazionali francesi.

guerra capesante inglesi francesi

Perché si combatte la guerra delle capesante

Dietro alle motivazioni di questo conflitto ci sarebbe una disparità di diritti su una precisa zona di mare nel canale della Manica, lì dove crescono le coquille Saint-Jaques, una tra le più pregiate varietà di capesante atlantiche. I francesi possono spingersi fuori dalle loro acque territoriali solo tra l’1 ottobre e il 15 maggio, potendo arrivare nelle zone migliori di pesca. Gli inglesi non hanno invece alcuna limitazione, e hanno definito gli atti dei loro colleghi oltreManica come pirateria.

perche guerra capesante

Lo scontro non è avvenuto in una sola ripresa, e vede da diverse notti le navi francesi impegnate a scacciare quelle inglesi dalle zone contese con pietre e fumogeni. Da una parte i britannici sottolineano che è loro diritto stare in quelle acque e pescare, dall’altra i cugini d’oltralpe sottolineano come per gli inglesi la Manica sia diventata un buffet.

«Pescano quando vogliono, dove vogliono e quanto vogliono – sottolinea Dimitri Rogoff, a capo del Comitato dell’industria ittica della Normandia – Non vogliamo che smettano di pescare, ma potrebbero almeno aspettare fino all’1 ottobre, così che possiamo condividere». Non è chiaro però cosa dovrebbe succedere a questo compromesso equilibrio quando la Brexit sarà ufficiale.

Matteo Buonanno Seves
Un giovane laureato in Scienze Gastronomiche con la passione per il giornalismo e il mai noioso mondo del cibo, perennemente impegnato nel tentativo di schivare le solite ricette e recensioni in favore di qualcosa di più originale.