AnimaliAttualitàCultura

Islanda: si ferma la caccia alla balenottera minore

La caccia alla balenottera, con questa decisione in Islanda, ha subito un importante rallentamento, a tutela di questi straordinari esseri viventi.

La caccia alla balenottera minore in Islanda non sarà effettuata per il secondo anno consecutivo, con grande piacere delle associazioni ambientaliste e animaliste di tutto il mondo, che da anni combattono contro la pratica della caccia alla balenottera.

caccia balenottera

LEGGI ANCHE: Il silenzio aiuta le balene a comunicare

Perché è stata interrotta la caccia alla balenottera?

La caccia alla balenottera minore in Islanda è stata interrotta, grazie alla cessazione dell’attività delle due aziende principali di caccia alla balenottera.

Una azienda ha dichiarato che concluderà per sempre le attività di caccia, mentre la seconda compagnia islandese specializzata nella caccia alle balenottere, ha invece dichiarato di non cacciare quest’anno a causa delle difficoltà nell’esportazione della carne e delle misure di allontanamento sociale, legate alla contingente situazione pandemica internazionale.

Inoltre, ulteriore motivazione, alla basa della scelta, sembra essere la contrazione della richiesta di import dai paesi come il Giappone, che è uno dei paesi che consuma maggiormente la carne di balena.

La caccia alla balenottera, quali speranze per il futuro

L’ organizzazione per la conservazione delle balene e dei delfini, chiamata Whale and Dolphin Conservation (WDC), attraverso il suo CEO Chris Butler-Stroud, ha dichiarato che, seppur questa notizia sia straordinaria, è necessario lavorare ancora molto per coinvolgere sempre di più l’opinione pubblica, in modo che il consumo di questa carne si riduca sempre di più, fino a rendere la stessa attività non più profittevole.

E’ infatti vero che, ancora oggi, centinaia di balenottere vengono trucidate ogni anno per il fatto che, alcuni paesi, autorizzano che si pratichi questa deplorevole caccia a fini commerciali.

La caccia alla balenottera, con questa decisione in Islanda, ha subito un importante rallentamento, a tutela di questi straordinari esseri viventi.

La speranza è che la popolazione mondiale, sempre di più, sia sensibile a certi argomenti, al fine di tutelare seriamente il pianeta Terra e le sue meravigliose specie viventi.

REDAZIONE
Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.