AmbienteAttualitàSalute

Inquinamento e cervello: respirare aria sporca danneggia la nostra mente

Un nuovo studio ha fatto luce sulla complicata relazione tra esposizione a inquinamento e cervello e, ciò che ne è emerso è tutt’altro che consolante.

Un team di ricercatori ha di recente indagato sul rapporto tra esposizione a inquinamento e cervello umano. I risultati dello studio, pubblicati in National Bureau of Economic Research, si sono dimostrati allarmanti e hanno sollevato nuovi inquietanti interrogativi. La paura è, infatti, che la qualità dell’aria influisca in modo determinante anche sul mercato del lavoro e pianificare interventi è una priorità.

inquinamento e cervello

Lo studio su inquinamento e cervello:

A chiarire il rapporto tra inquinamento e cervello umano ci ha pensato un team di University of Queensland, Australia, e Mellon University, USA. Gli scienziati hanno preso come riferimento un campione di più di 100.000 individui residenti negli USA e ne hanno analizzato le funzioni cognitive tra 2015 e 2017. Per farlo si sono serviti dell’app di allenamento mentale Lumosity e dei dati relativi alla qualità dell’aria. La risorsa ha permesso di valutare in modo oggettivo sette parametri: memoria, capacità verbale, attenzione, flessibilità, abilità matematica, velocità e problem solving. Studi simili sono stati condotti in passato su bambini e anziani, ma siamo di fronte al primo lavoro incentrato su una fascia d’età media.

L’inquinamento danneggia la mente:

Il nuovo studio su inquinamento e cervello appare preoccupante. È emerso, infatti, che un’esposizione, anche breve, a moderati livelli di PM 2.5 può fare gravi danni. Essa è risultata, infatti, in grado di causare negli utenti un declino delle performance cognitive di quasi 6 punti, su 100. Per i giovani sotto i 30 anni, poi, un giorno di alto inquinamento si traduce in un peggioramento temporaneo delle abilità paragonabile a un invecchiamento di 15 anni. A essere maggiormente colpita è la memoria a breve termine e ciò ha su alcune professioni un impatto devastante. Chi possiede meno abilità di base risulta, per altro, più svantaggiato e ciò alimenta drammaticamente l’iniquità sociale.

Intervenire sull’aria sporca:

I risultati dello studio sulla relazione tra inquinamento e cervello rappresentano un campanello d’allarme. L’OMS ha di recente ridefinito i valori soglia per PM 2.5 e altre sostanze inquinanti, ma ciò non sembra bastare. L’impatto della cattiva qualità dell’aria sembra poi ripercuotersi maggiormente sulle fasce più attive della popolazione. A essere minacciata è, dunque, la produttività della forza lavoro e diversi economisti se ne stanno ormai rendendo conto. Andrea La Nauze, autrice principale, ha specificato che ora tocca ai singoli governi individuare le principali fonti di inquinamento e intervenire sulle emissioni. La qualità dell’aria rimane comunque una problematica globale il percorso per migliorarla appare complicato.

La relazione tra inquinamento e cervello umano si ripercuote su ognuno di noi in modo subdolo, ma non per questo meno importante. A farne le spese saranno, senza immediati interventi, soprattutto le generazioni future e questo non è accettabile. Il cervello rappresenta la migliore risorsa dell’umanità. Avvolgerlo a poco a poco in una coltre di nebbia non sembra, poi, la migliore delle strategie.

blank
Laureata in Filosofia, credo fermamente che ogni sfaccettatura del sapere umano meriti di essere inseguita. Amo la lettura, gli animali e la natura e penso che solo continuando a farsi domande sia possibile mantenere uno sguardo vigile sul mondo.