AmbienteAttualitàCultura

Incidenza delle emissioni: nessuna simmetria tra responsabilità e conseguenze

Tra incidenza delle emissioni e responsabilità non esiste corrispondenza e a fare dell’asimmetria sono, spesso, i Paesi meno ricchi e colpevoli.

L’incidenza delle emissioni sul riscaldamento globale non è purtroppo direttamente proporzionale alle responsabilità. L’impatto dei gas serra si ripercuote in luoghi ben distanti dalle fonti di inquinamento e, spesso, il rapporto causa-effetto si dimostra svantaggioso per i Paesi in via di sviluppo. Un nuovo studio ha mappato tale asimmetria e ora la speranza è che la comunità internazionale agisca di conseguenza.

incidenza delle emissioni

Lo studio sulle emissioni:

In un paper pubblicato in Science Advances l’incidenza delle emissioni è stata analizzata sotto una nuova prospettiva. Un team del Monterey Bay Aquarium ha posto l’accento sulla mancanza di corrispondenza spaziale tra quantità di emissioni di gas serra e ripercussioni sul riscaldamento globale. I ricercatori hanno esaminato le emissioni di metano, CO2, protossido di azoto e polveri sottili a livello globale tra il 1970 e il 2018. Hanno poi confrontato i dati su questi gas, dal grande impatto sul clima, con le proiezioni delle temperature per l’intero pianeta. Il team ha infine mappato i risultati e la disparità tra responsabilità ed effetti è risultata immediatamente visibile.

Nessuna simmetria:

La recente ricerca sull’incidenza delle emissioni ha rivelato dati inquietanti. Il 90% delle emissioni da attività umane viene generato nell’8% della superficie terrestre. A riscaldarsi in modo estremo e forse irreversibile tra oggi e il 2100 sarà, però, più della metà del pianeta. Ovest Europa, Nord America nord-orientale e Paesi del Golfo Arabo sono i più inquinanti, ma a subire le conseguenze peggiori saranno Asia centrale e Africa. Le stesse disparità sono rilevabili anche nei singoli Paesi e, per esempio, negli USA a scaldarsi di più è la zona Ovest, meno industrializzata. A sopportare la maggior parte della pressione sono, poi, gli oceani, che assorbono il 93% del calore in eccesso connesso alle emissioni.

Intervenire sulle conseguenze:

I dati sull’incidenza delle emissioni devono essere attentamente valutati. I ricercatori hanno sottolineato che, perché il riscaldamento globale possa essere mantenuto sotto la soglia critica degli 1.5 °C sono necessarie azioni immediate. Le politiche attualmente promosse non si stanno rivelando sufficienti e l’asimmetria di responsabilità ed effetti evidenzia l’importanza di un ricco dialogo internazionale. Il team ha dunque individuato come fondamentale la condivisione di dati e studi sul clima, che permettano alle autorità di rispondere con provvedimenti coerenti. È poi fondamentale non dare per scontati gli oceani e agire in modo da tutelare gli ecosistemi da cui tanto dipendiamo.

I dati sulla mancata corrispondenza tra incidenza delle emissioni sul clima e collocazione delle fonti di inquinamento devono far riflettere. Trovarsi in un luogo apparentemente al momento poco colpito potrebbe illudere. La natura ci ha ampiamente dimostrato che la Terra è un sistema e, presto, non sapere cosa sia l’effetto domino sarà impossibile.

blank
Laureata in Filosofia, credo fermamente che ogni sfaccettatura del sapere umano meriti di essere inseguita. Amo la lettura, gli animali e la natura e penso che solo continuando a farsi domande sia possibile mantenere uno sguardo vigile sul mondo.