AmbienteEcologia

L’importanza dei ragni nell’agricoltura biologica

La scoperta dell’importanza dei ragni nell’agricoltura biologica ha origini antiche e da allora l’utilizzo degli aracnidi si è trasformato in una realtà consolidata.

Per comprendere appieno l’importanza dei ragni nell’agricoltura biologica è necessario ripercorrere a ritroso la storia di quella che viene chiamata lotta integrata. Si tratta di una pratica o, più correttamente, un insieme di pratiche che si avvale dell’utilizzo degli antagonisti naturali delle specie infestanti, al posti dei pesticidi chimici. La sua origine viene fatta risalire alla Cina di 2000 anni fa, in cui gli agricoltori si avvalevano di alcuni insetti e aracnidi per scacciarne altri dannosi alle colture. Ma perché in particolare i ragni sono così preziosi?

ragni agricoltura biologica

Il ruolo dei ragni nell’agricoltura biologica

I ragni svolgono un’importante funzione nell’ecosistema. Si tratta, nella stragrande maggioranza, di predatori entomofagi – mangiatori di insetti – la cui presenza è funzionale al rallentamento della proliferazione di diverse specie di insetti, spesso anche dannose. I ragni in agricoltura biologica sono eccellenti sostituiti naturali ai pesticidi chimici e il loro impiego comporta numerosi vantaggi. La loro funzione di controllo è eccellente, grazie alla loro capacità di consumare un numero consistente di insetti dannosi. I ragni, poi, sono amici della biodiversità: molte specie di questi aracnidi possono convivere in un ecosistema senza per questo portare danni o squilibrio. Questi artropodi si integrano poi perfettamente con altre specie entomofaghe utilizzate per proteggere le colture, come le coccinelle. Infatti, oltre a occuparsi di prede molti diverse, tra di loro tendono a non infastidirsi e a convivere pacificamente.

ruolo ragni agricoltura biologica

LEGGI ANCHE: Lambic, la birra belga prodotta con l’aiuto dei ragni

Il ruolo dei ragni nell’agricoltura biologica non si limita alla lotta integrata, infatti con l’aiuto della scienza grazie a questi aracnidi si è potuto fare molto di più. Infatti dal loro veleno derivano importanti scoperte. Frutto di migliaia di anni di evoluzione in cui si è specializzato per la cattura di insetti, da esso potrebbero essere creati dei pesticidi naturali e selettivi per la lotta alle specie invasive e dannose. I ragni sono davvero preziosi in agricoltura: discreti e completamente innocui per le piante sono degli alleati da curare e tutelare. Anche il consumatore finale, dal canto suo, dovrebbe fare la sua parte accettando di buon grado qualche traccia di ragnatela su frutta e verdura, potrebbe essere il segno di una coltura sana e naturale.

blank

Chitarrista, motociclista, da sempre appassionato di scienza, tecnica e natura. Sono laureato in Psicologia del Lavoro e della Comunicazione. Curioso per natura amo i viaggi, il buon vino e scoprire cose nuove. Da qualche anno nel settore del marketing digitale e della comunicazione.